Video appunto: Meccanismo di flip-flop

Meccanismo di flip-flop



I macrofagi tissutali riconoscono le cellule apoptotiche attraverso un meccanismo particolarmente efficiente, il meccanismo di flip flop. In questo processo, ATP-dipendente, le cellule apoptotiche esprimono sul versante non citosolico (esterno) della membrana plasmatica fosfolipidi che di norma sono presenti nel versante citosolico (interno), non all’esterno.

I neutrofili apoptotici sono fagocitati dai macrofagi, in un processo che serve a liberare il tessuto da cellule morte e da frammenti pro-infiammatori.
Essenzialmente, i fosfolipidi sono: la fosforil-serina e la fosfatild-etanol-ammina. Tramite degli specifici recettori, i macrofagi tissutali riconoscono questi fosfolipidi e fagocitano le cellule apoptotiche che li espongono.
Le alterazioni del processo di apoptosi sono alla base dell’insorgenza di un insieme di patologie. Tra queste, vi sono delle malattie degenerative, tipicamente causate da morte di neuroni dovuta ad una alterazione del riconoscimento di neuroni danneggiati: esempi sono costituiti dall’Alzheimer, in cui si verifica la distruzione di neuroni colinergici dell’ippocampo; l’atrofia muscolare spinale, in cui si verifica la distruzione (apoptosi) dei motoneuroni; il morbo di Parkinson, in cui vanno incontro ad apoptosi i neuroni dopaminergici.

Naturalmente, esistono anche delle patologie associate a una inibizione dell’apoptosi (inibizione patologica): tra queste, vi sono le neoplasie.