Ominide 4472 punti

Loggia renale e fascia renale


I reni risultano accolti all’interno di una loggia renale (estesa quindi dalla 11° toracica alla 3° lombare) delimitata dalla fascia renale.
Questa origina dal tessuto connettivo sottoperitoneale che si inspessisce nella regione laterale di entrambi i reni, il quale si divide in:
- un foglietto prerenale, che ne riveste la faccia anteriore e poi prosegue davanti ai grossi vasi (aorta addominale a sinistra e vena cava inferiore a destra) fino a fondersi con quello controlaterale. Nella sua porzione inferiore, in corrispondenza del colon ascendente e, anche se meno evidente, del colon discendente (entrambi retroperitoneali o comunque di transizione) risulta rinforzata dalla fascia di Toldt che deriva da un primitivo accollamento del peritoneo viscerale sul parietale durante l’organogenesi.
- un foglietto retrorenale o fascia di Zuckerkandl, che ne riveste la faccia posteriore per poi fissarsi ai corpi vertebrali e ai dischi intervertebrali.
- Medialmente risulta quindi mantenuta la comunicazione tra i due reni, gli ureteri e i grossi vasi.
- Superiormente i due foglietti si continuano avvicinandosi: giunto al margine superiore del rene, il foglietto prerenale invia un setto chiamato sepimento della fascia renale che sostiene la ghiandola surrenale; giunti poi al margine superiore della ghiandola surrenale quasi si fondono e vanno a fissarsi alla cupola diaframmatica formando i legamenti surrenodiaframmatici.
- Inferiormente i due foglietti tendono solo leggermente ad avvicinarsi discendendo, senza mai unirsi, sino alle fosse iliache, lasciando la loggia aperta.
Hai bisogno di aiuto in Anatomia e Fisiologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove