Ominide 395 punti

Vulcani


Il magma in risalita all'interno della crosta forma delle strutture a gocce ribaltate (Diapiri) . Essi emergono sfruttando fratture già esistenti o formandole; possono provocare attività sismiche dette tremori.
Possono ristagnare in prossimità della superficie in uno spazio, più o meno ampio, denominato camera magmatica ( dai 2 ai 10 km).
Il collegamento con la superficie terrestre è rappresentato dal camino o condotto vulcanico e dal cratere.
Il magma che fluisce sulla superficie terrestre prende il nome di lava. I gas disciolti tendono a liberarsi se la pressione litostatica diminuisce, essi si concentrano così nella parte superiore della camera magmatica.
Le rocce consolidate di precedenti eruzioni che si trovano all'interno del camino vulcanico formano una specie di tappo che impedisce l'uscita dei gas.
Viene definita attività esplosiva quella caratterizzata da un magma viscoso; la lava viene ridotta in brandelli di varia dimensione che si mescolano con i frammenti delle rocce preesistenti. Vengono chiamati piroclasti e le rose a cui danno origine sono denominate piroclastiti.
Quando i fenomeni esplosivi sono scarsi, il magma fuoriesce dal condotto senza frammentazioni, solo fuoriuscita di lava.
Lave fluide (1000-1200 C°) scorrono fino a 50-60 km dal centro di emissione.
Lave acide (800-900 C°) tendono a consolidare in prossimità del centro di emissione.
Hai bisogno di aiuto in Geologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email