Ominide 643 punti

Giacimenti marini


Le acque marine e oceaniche sono uno straordinario serbatoio di minerali, in parte presenti in soluzione nell'acqua stessa e in parte accumulati nei fondi. Comunemente presenti nei mari sono il sale comune (cloruro di sodio), che si ottiene direttamente per evaporazione delle acque marine raccolte in speciali vasche, e il magnesio, lo iodio e il bromo, estrat ti con procedimenti fisico-chimici tecnologicamen te abbastanza semplici. Sabbia, ghiaia e calcare sono prelevati dalle spiagge e nei pressi delle rive.
Le ricerche attuali, inoltre, mi rano a mettere a punto procedure e impianti adeguati all'estrazione dei materiali presenti nei fondi di acque a media e lunga distanza dalle linea di costa e soprattutto, in quelli oceanici a grandi profondità.
Sono stati individuati, infatti, immensi depositi di argille rosse contenenti alluminio, ferro e cobalto, che coprono le zone più depresse dei fondi, oltre che i cosiddetti noduli polimetallici, aggregati dalla forma di tuberi schiacciati costituiti da manganese, cui sono associati ferro, cobalto, nichel e rame, metalli pregiati e di grande interesse per i più diversi utilizzi industriali.
Pur essendo la presenza di questa risorsa nota da più di 100 anni, il suo sfruttamento è ancora limitato ad alcune zone dell'oceano Pacifico.
Hai bisogno di aiuto in Geologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove