Ominide 2155 punti

Fondamenti della ripresa video

Per impostare un qualunque progetto video è importante conoscere i codici del linguaggio.
L’inquadratura: è una rappresentazione in continuità di un certo spazio per un certo tempo. L’insieme di più inquadrature compone la scena. All’interno della scala dei piani possiamo individuare:
- Il dettaglio – comprende una parte molto ristretta e ravvicinata del soggetto.
- Il primissimo piano (PPP) – è l’inquadratura centrale sul viso.
- Il primo piano (PP) – racchiude il viso completo a partire dalle spalle.
- Il mezzo busto (MB) – allarga la ripresa alle spalle e al mezzo busto.
- Il piano medio (PM) – include la figura dalla vita a tutta la testa.
- Il piano americano (PA) – riprende il personaggio dalle ginocchia alla testa.
- La figura intera (FI) – riprende dalla testa ai piedi.

Per quanto riguarda i campi possiamo individuare:
- Il campo medio (CM) – comprende un ambiente non molto ampio in cui la figura di interesse è visibile o riconoscibile.
- Il campo lungo (CL) – comprende una porzione di spazio vasta in cui il personaggio è poco identificabile.
- Il campo lunghissimo (CLL) - comprende un ambiente molto vasto in cui la figura d’interesse non è più identificabile.

Il punto di vista: nella scelta dell’inquadratura è importante tenere in considerazione anche l’angolo di ripresa, dato dal posizionamento della videocamera rispetto al soggetto. Possiamo distinguere:
- Inquadratura dal basso – riprenderà il personaggio in modo da farlo sembrare sovradimensionato rispetto a chi guarda.
- Inquadratura dall’alto – il personaggio sembrerà sottomesso rispetto a chi guarda.
- Inquadratura frontale – pone la videocamera parallela al soggetto.
- inquadratura inclinata – è utile per creare un effetto di caos.

I movimenti di macchina: i meccanismi che conferiscono dinamicità alla ripresa sono i movimenti di macchina. La videocamera viene spostata mutando prospettiva e visuali. I movimenti più usati sono:
- La macchina a mano: la videocamera viene tenuta in mano o in spalla dall’operatore per simulare l’occhio umano. si usa per le riprese soggettive o per scene turbolente.
- La panoramica: è un movimento che si realizza facendo ruotare la videocamera, fissata a un cavalletto intorno al suo asse. Le panoramiche servono a spiegare dove è collocato il nostro video.

- La carrellata: è un movimento che si effettua montando la videocamera su un supporto mobile. Viene usata per seguire un personaggio o un oggetto. Tra gli strumenti per la realizzare carrellate vi sono:
• La steadycam – supporto meccanico su cui viene montata una macchina da presa.
• Il dolly – veicolo speciale a braccio mobile che può salire e scendere.
• Il camerata – veicolo in movimento su cui viene posta la videocamera.
La carrellata può essere:
• In avanti a stringere;
• All’indietro ad allargare;
• Ad accompagnare, precedere, seguire;
• Laterale;
• Ad ascensore;
• Circolare.

Hai bisogno di aiuto in Cinema?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email