Relazione sul film " Il sole dentro"

La parte del film “Il sole dentro” che mi ha più colpita riguarda il viaggio epico intrapreso da due tredicenni, Thabo e Rocco per arrivare in Zambia, il luogo di nascita di Thabo.
Rocco è un giovane italiano di Bari che ha perso la madre, ha il papà in carcere e uno zio violento; lui è testimone della cosiddetta “ tratta dei bambini calciatori” che ne vede vittima il suo amico, il quale, non essendo più ritenuto utile alla squadra per fare soldi, viene abbandonato dall’allenatore presso un autogrill.
Rocco, privato del suo amico, decide di abbandonare tutto, il suo posto nella squadra e la sua patria semplicemente per pura amicizia.
Si tratta di gesto di amore che definiamo fuori dal normale, un atto rarissimo che oggi non abbiamo molte occasioni di vedere.
Una cosa che ho notato ed ho particolarmente apprezzato è stata la sicurezza da parte dei due ragazzi, la certezza del bene reciproco e della sua forza; insieme si può arrivare ovunque ed è questo che ci insegnano Thabo e Rocco.

Nonostante ostacoli, fatiche, stanchezza, fame, sono riusciti ad andare avanti per raggiungere il loro obiettivo senza mai guardarsi indietro.
Oggi questo non accade; l’amicizia, quella vera, è un tesoro quasi introvabile.
I rapporti fra le persone spesso sono intralciati da sentimenti di falsità ed egoismo, il voler bene viene oscurato dal voler apparire sopra agli altri.
Penso che la storia di Thabo e Rocco dovrebbe essere un punto di riferimento per tutti noi : ovviamente compiere un viaggio del genere è ai limiti della realtà, ma imparare a mettere in primo piano il noi anziché l’io non è poi così difficile come sembra e tutti siamo ne siamo in grado.

Hai bisogno di aiuto in Cinema?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email