Genius 7419 punti

L’azione si svolge in casa di Cenerello nella stanza soggiorno.
Di fronte la comune, a destra una porta che dà sulla cucina con accanto il caminetto; sull’altra parete una porta che dà su un corridoio e al fianco una finestra.
Arredamento malandato ma con segni di un antico prestigio.


Personaggi:
Cenerello
Matrigna
Banditore
Principe
Genio della mazza

Cenerello: Lava sciacqua, sciacqua, lava, asciuga, lava, stira… basta, non ce la faccio più! Ma chi lo ha detto? Dove sta scritto? Io nun pozzo cchiù campà accussì! In questa casa devo fare sempre tutto io.
Quando ero piccola mia madre diceva sempre: “Quando ti farai grande verrà un principe azzurro su un cavallo bianco e ti porterà in un castello”. Mammà e morta, i cavalli sono animali in via di estinzione e ‘e principi azzurri chi sa addò so’ ghiute a se romper‘e corna.

Ed io, guarda come sono ridotta: la sguattera! Peggio di una sguattera: una schiava ! Peggio di una schiava. Costretta a servire una matrigna e due sorellastre che nun valgono quatte sorde. Mi sembrano la regina madre e ‘e doie sore d’’o kaiser; sanno solo cumannà!
Prima voce: Cenerè… cenerè… Cenereeeeee…
Cenerello: Ecco, si è svegliato il primo scopillo…
Seconda voce: Cenerè… cenerè… Cenereeeeee…
Cenerello: Si è svegliata l’altra mappina…
Matrigna: (con voce tonante) Cenereeeeeeeee…….
Cenerello: Si è svegliato pure il bidè grande!
Signore e Signori comincia l’operetta:
(canta le strofette seguenti)

Portami il latte e la cioccolata
a me il caffè e la marmellata
con un budino mi voglio svegliare
e la giornata incominciare.

Preparami il bagno mi voglio lavare
pulezzame ‘e recchie che devo ascoltare
non perdere tempo va’ a cucinare
e il pavimento a lucidare.

Mettimi il busto, mutande e calzini
passeme a crema areto ‘e rine
vieni che il naso mi devi soffiare
e i capelli mi devi lisciare.

‘E dinte ‘a vocca ti voglio tirare
e a te la lingua ti voglio tagliare
nun ne parlammo d’’a madre badessa
ca i’ l’acchiappasse e le scassasse… e a rumpesse.
Prima voce: Cenereeeeee…
Seconda voce: Cenereeeeee…
Matrigna: Cenereeeeee…
Tutte: Cenereeeeeeeeee…
Cenerello: Nu’ mumento, nu’ mumento, all’anema…

Matrigna: Che cosa stai facendo sciagurata?
Cenerello: Sto…
Matrigna: (interrompendo) Sta zitta! Che stai facendo? Parla!
Cenerello: Io…
Matrigna: (interrompendo) Sta zitta! Che stai facendo? Parla!
Cenerello: Io…
Matrigna: Sta zitta! T’’a stive sciuscianno? Mangiapane a tradimento, sciagurata, buona a niente…
Cenerello: Mammà…
Matrigna: Nun me chiammà mammà! Io pe’ te nun so’ mamma!
Cenerello: Haie ragione, tu pe’ me si ‘na pernacchia.
Matrigna: Hai lavato i panni?
Cenerello: Si!
Matrigna: Hai stirato?
Cenerello: Si!
Matrigna: Hai cucinato?
Cenerello: Si!
Matrigna: Hai spazzato il pavimento?
Cenerello: No!
Matrigna: O’ pavimento Cenere’… o’ pavimento…
Cenerello: Ah… si!
Matrigna: Me haie pulizzate ‘a furnecella?
Cenerello: Non ci ho l’attrezzo adatto!
Matrigna: Come te l’aggia dicere che tutte le mattine tu e ‘a pulizza a furnacella!
Cenerello: E mo che passa ‘o scupatore me faccio da’ ‘na scopa e provvedo.
(non si muove)
Matrigna: E tu staie ancora qua?
Cenerello: Mo’ mo’…
Matrigna: (sdolcinata) Adesso vado a dare il bacetto del buon giorno alle mie creaturelle… (fa per andare quando bussano alla porta) Cenere’ ‘a porta…
Banditore: (entra con la mano sulla bocca simulando una trombetta) Peperepepepepe… peperepepepepe… Attenzione!… Popolazione…
Matrigna: E’ arrivato n’ato stunzone!…
Banditore: Per ordine del re
Matrigna: E volontà della regina
Banditore: Ma chi v’ ‘a ditto?
Matrigna: Che cosa?
Banditore: Che è per volontà della regina…
Matrigna: Perché il re Guallaroso Primo fa una cosa senza la volontà della regina?
Banditore: Ma a voi che ve ne ‘mporta! ‘Ntricateve de’ corna voste! Vuo’ vede’ che Guallaroso primo, sovrano di questo paese, ha da dar conto a vuie si a mugliera ‘o cumanna a bacchetta? Dunque per ordine del re si terrà un gran ballo a corte, (rivolto alla Matrigna con malizia) perché, avita sape’ che il principe Giannetto non è capace di sposarsi, e allora la regina ha pensato: mo’ facimme nu ballo… chillo trova ‘na stroppola, la guarda negli occhi… le prende la mano… po’ allunga chell’ata mano a qualche altra parte… si improscinano… e fanno l’erede al trono.
Matrigna: E vuie pe’ truvà ‘na struppola facite tutte ‘stu casino?
Banditore: Ma che dite? Ho detto stroppola!
Matrigna: E va buo’… struppola, stroppola… è a stessa cosa.
Banditore: Ma vuie site ignorante forte!… Comunque, se tenete figlie femmine, siete invitata anche voi: non fa niente che siete una vai… ass!
Matrigna: Ueeeee! Lume a petrolio, spilapipe. Ma Guallaroso Primo ti manda in giro ad offendere la gente per bene?! Jesce ‘a parte ‘e fora prima che te spacco ‘a capa…
Bnaditore: Vi’ che brutta gente… Me ne vaco, me ne vaco…
(esce mimando l’atteggiamento di quando è entrato)
Peperepepepe… Peperepepepe… Brzù, brzù, brzù.
Cenerello: Matrigna, ho sentito che si fa un ballo a corte, mi volete portare pure a me?
Matrigna: Ma addò… ‘sta sguattera ‘mpernacchiata sta sempe ‘mmiezo: oj’ ne’ vattenne, io tengo doie figlie ‘a maretà… al ballo ce porto a esse. (esce borbottando).
Cenerello: (lamentandosi) Mamma mia, mamma mia che brutta fine che aggio fatto! Nun ce sta nisciuno ca me vo’ bene. Mi trattano male tutti quanti perché non sono né carne, né pesce… Ah… se fossi solo carne… o solo carne (piange) Che schifezza la vita. Ai tempi antichi, quando ‘na puverella se truvava ‘mmiezo a ‘nu guaio, usciva una fata, un genio. A me me jesceno solo ‘e frungole dinte ‘o naso! (arrabbiata butta la scopa per aria che, nel cadere, fa un botto fragoroso e compare il genio della mazza).
Genio: Sono il genio della mazza, chi è che viene a rompere il… mio riposo?
Cenerello: Uh?!!… ma sei proprio un genio vero?
Genio: Originale Giapponese!
Cenerello: E funzioni proprio bene?
Genio: Veramente ho un piccolo difetto: io sono un genio ca’ nun tene genio!
Cenerello: E te pareva! Nu’ genio mi esce e è pure di seconda qualità! Ma che razza di genio della mazza sei?
Genio: Genio di mazza… di scopa!
Cenerello: Ma come sei andato a finire dinte ‘a scopa?
Genio: Che ti devo raccontare?! Una volta i geni stavano nelle lampade di Aladino. Poi venne l’ENEL e tutti si comprarono le lampade elettriche e noi non eravamo più richiesti sul mercato. Allora ognuno prese la sua strada: io, mi sono sistemato in una mazza. Ma ora che finalmente mi hai chiamato, voglio esaudire i tuoi desideri: comanda.
Cenerello: Che bellezza, voglio provare. Allora, allora:… voglio avere un bell’abito bianco, splendente e nu’ poco d’acqua.
Genio: Bene, ti trasformerò in un bidet!
Cenerello: Ma qua’ bidet? Io voglio andare al ballo a corte, voglio conquistare il principino e me lo voglio sposare. Tu mi devi trasformare in una donna meravigliosa.
Genio: Questo non è facile nemmeno per un genio. Comunque sarai esaudito: però ricordati che devi tornare prima di mezzanotte…
Cenerello: E perché?
Genio: Perché a quell’ora passa la buoncostume, t’arresta e finisce l’incantesimo.
Cenerello: Va bene, va bene. Ma io al castello come ci vado: a piedi?
Genio: Preferisci i mezzi pubblici? Viaggerai meglio e a minor costo.

Cenerello: E si! Accussi cu a folla d’uommene che ce sta, me vedono tutta ‘mpernacchiata e me riducono ‘na mappina.
(duetto sul motivo “A Cammesella”)
Genio: E pigliate nu taxi.
Cenerello: Costa troppo gnornò gnornò.
Genio: E pigliate nu taxi.
Cenerello: Costa troppo gnornò gnornò.
Nun m’’o posso pignià ca denaro nun ce ne sta…
nun m’’o posso pignià ca denaro nun ce ne sta.
Genio: E pigliate ‘na carrozza.
Cenerello: Si ‘a piglio e faccia.. a te.
Genio: E pigliate ‘na carrozza.
Cenerello: Si ‘a piglio e faccia.. a te.
Si m’’a vuò fa piglià io me assetto e nu’ me movo ‘a cà…
si m’’a vuò fa piglià io me assetto e nu’ me movo ‘a cà.
Genio: E pigliate l’elicottero.
Cenerello: L’elicottero gnornò gnornò.
Genio: E pigliate l’elicottero.
Cenerello: L’elicottero gnornò gnornò.
Che si se spezza l’elica io so’ sicura che…
Che si se spezza l’elica, s’appizza areto a me.
Genio: Ma allora che vaie truvanno.
Cenerello: ‘Na cinquecento gnorsì gnorsì.
Genio: Ma allora che vaie truvanno.
Cenerello: ‘Na cinquecento gnorsì gnorsì.
Genio: Va bene avrai la macchina ma po’ famme durmì…
va bene avrai la macchina ma po’ famme durmì.
(sparisce il genio della mazza)
Cenerello: Genio, genio ma che fai sei sparito? Addò stai, vieni qua…
(altri rumori e cambi di luci)
Genio: Ma che vuoi?
Cenerello: Ti sei dimenticato di trasformarmi in donna!
Genio: E va bene! Uno… due… tre!

Recchia calante, donna crescente
recchia calante, donna crescente
eri una recchia e ‘mo non sei niente
non eri niente e donna sarai.

(avviene l’incantesimo e dal buio esce Cenerello che si mostra al genio)
Genio: Fai proprio schifo! Un altro incantesimo così e darò le dimissioni.
(sparisce)
Cenerello (uscendo) Madonna come so’ bella.

AL CASTELLO (un siparietto nasconde alla vista il precedente ambiente, luci basse e diffuse. In sottofondo un valzer lento)

Matrigna: (entrando da una quinta) Che bella gente! Ci stanno tutti i VIP del paese. C’è il presidente del consiglio che consiglia al ministro del tesoro come si deve frocoliare il denaro della povera gente. Si, si, che ne sapete voi… chille s’arrobbano pure tra di loro… e se no come ce stesseno i ministri senza portafoglio, chillo è ‘o ministro del tesoro che se li frega tutti quanti, poi li passa al ministro degli esteri che li deposita in Svizzera. Come sono emozionata, pensate se il principe scegliesse una delle mie bambine… Forse ce vulesse na raccomandazione. Quasi quasi vado dal re Guallaroso Primo, gli faccio ‘na mmasciatella e mi assicuro così il suo aiuto. (immagina un mormorio di disapprovazione a cui risponde) Eh che d’è… almeno quello è un re… comme?… Famme sta zitta a me… ognuno se facesse e guallaruse soie.
A proposito, dove sono i miei gioielli, come diceva Cornelia dei Tracchi… animucce mie… animucce mie… Ueeeeeeeh, chiattone, a fernite e va abbuffà e magnà?… Guarda a chella… ‘a n’ato poco le jesce pe’ dinte ‘e recchie e manco se cionca.
E’ meglio che m’’e vaco a piglià, chelle già pesano ‘nu quintale l’uno. (uscendo) Belle ‘e mammà tenite ancora famuccia, e fernitela e magnà… (una voce fuori campo annuncia: Sau Maestà il Re, la Regina e il Principe Giannetto).
Cenerello: (entrando) Mamma mia, io manco ‘nsuonno putevo pensà che ‘a reggia era accussì bella.
Principe: (entrando) Chi sarà quella bella ragazza. Signorina?
Cenerello: (sobbalzando) Chi è?… puozze passà nu guaio! E tu che vuò? Ma che state tutte quante appriesso a me? Prima nu cameriere ha voluto ‘o biglietto, n’ato ‘o cappotto, n’ato appriesso appriesso fino a’ sala del trono. E tu mo’ che vaie truvanno?
Principe: Ma io non sono un cameriere!
Cenerello: Allora chi si, che vuò e quando te ne vaie?
Principe: Ma io sono il principe Giannetto!
Cenerello: Oh principe… scusate… io non sapevo… io non credevo…
Principe: E neanche io pensavo di potermi innamorare subito, così, a prima vista. Vieni, dammi la mano, ti condurrò da mio padre il re. (Cenerello gli dà la mano e fa per seguirlo quando rintocca la mezzanotte)
Cenerello: Amore mio devo andare, lasciami, lasciami…
Principe: Ma dove vuoi andare? Non lasciarmi proprio ora… dimmi almeno il tuo nome…
Cenerello: Non te lo posso dire, se no tu subito mi trovi e finisce la favola. Cercami, cercami. Sarebbe troppo facile: tu dai un piccolo ballo e vuoi vincere il Super Enalotto?
Principe: Ma come farò a trovarti: lasciami qualcosa di te!
Cenerello: Hai ragione… (gli lancia una chiave per le ruote dell’auto che lo colpisce il piena fronte)

Principe: Ah, aiuto, la mio testa (un po’ di scena, poi si riprende) Anima mia, questo sarà il nostro pegno d’amore… ti cercherò… ti troverò! (esce rapidamente su questa battuta mentre si ripristina la scena in casa di Cenerello)

Matrigna: Chissà chi è sta vrenzelosa che ha fatto invaghire ‘o principe. Intanto m’ ha rutto ll’ova into ‘o panaro a me, e chella mbasciata c’aggio fatto a sua maestà non è servita a niente.
Nun me ce fa pensà ce sò volute tre ore. Povera regina avè a che fa cu n’omme comm ‘a chillo. Quello è guallaroso di nome e di fatto.
Intanto ‘o banditore sta cercanno na macchina per tutto il paese.
Cerca e svità ‘e rote cu ‘a chiave ca’ ‘o principe gli ha dato! (suona il campanello) O vi lloco, adda essere isso. Cenerè arape a porta…
Banditore: Peperepepepe… peperepepepe…
per ordine di Guallaruso Primo
della di lui consorte la regina,
so stato incaricato stamattina
di ritrovare chella signorina
che al principe Giannetto immantinente
è entrata dentro al cuore e nella mente.
Tanto che questi ha detto dopo il ballo
“O la trovate o io me taglio ‘e…
(rivolto alla matrigna)
Il problema non è facile! Io tengo un girabbacchino d’argento ca stà signorina l’ha lasciato, anze ce l’ha dato ‘nfaccia, in segno d’amore; ‘e chistu girabacchino svita ‘a rota solo e ‘na machina affatata ca chella signurina teneva. Io cerco questa macchinetta
Matrigna: Bravo.
Banditore: Signò, vui ‘a tenite ‘a machinetta?
Matrigna: Guagliò, ma mammeta ‘a tena ‘a machinetta?
Banditore: Si.
Matrigna: E allora và a fa int’a machinetta e mammeta!
Banditore: Signò, ma vuie c’avite capito?
Matrigna: Cà sì nu screanzato.
Banditore: Signò, io dicevo l’automobile!
Matrigna: Si, ne tenimmo tre: una è ‘a mia e chell’ati ddoie so de figlie meie.
Banditore: Allora voi e le figlie vostre tenete ciascuna la propria macchinetta? E me le volete mostrare?
Matrigna: Né, ma Guallaruso Primo nu banditore meno rattuso nun so’ sapeva truvà?
Banditore: Signò, nun me facite perdere tiempo, cà ‘o principe sta correndo il rischio di una grave perdita sessuale. Io devo verificare sì ‘o girabbacchina ce cape into a machinetta.
Matrigna: Ce cape, Ce cape!
Banditore: Ma io lo debbo verificare!
Matrigna: Né, ‘o vulisse sapè meglio ‘e me?
Banditore: Signò, o me dicite addo stanno ‘e machine, o me ne vaco.
Matrigna: Stanno là fora (esce il banditore e si sentono rumori metallici)
Banditore: Ccà nun ce cape.
Matrigna: Verificate buono… (altri rumori)
Banditore: Caà manco so’ capace e ce o’ ‘nfezza!
Matrigna: (arrabbiata) E vide e te fa’ ‘na cura ricostituente.
Banditore: Signò, chesta cchiù grossa è ’a vosta?
Matrigna: Tu nun si buono a niente!
Banditore: Aggio truvato (rientra trafelato) aggio tuvato! E chi è chella machina tutta d’oro che stà là fora?
Matrigna: E’ da mia!
Banditore: Signò levateve a mieze e piere, vuie l’oro ‘o putite tenè solo mmocca.
Matrigna: E invece è ‘a mia!
Cenerello: (entrando) la macchina è mia!
Matrigna: Brutta svergognata, proprio tu me fatto stu sgarro. Io te voglio accidere.
Cenerello: (scappando) Brutta, ti detesto, ti odio.
Matrigna: (fermandosi di colpo) Haie ragione, io ti ho sempre trattata male, perdonami bella e mamma toia.
Cenerello: E no! E no! Tu nun me si mamma, tu mi hai fatto solo del male, mi hai sempre trattata come ‘na pezza p’e lavà ‘nterra, mi hai fatto fare la schiava, la sguattera, la cameriera e nun m’hai dato nemmeno una lira, nun me mise nemmeno ‘a posto, e mo’? Mo’ te ricuorde che te so figlia? E no! O principe mo spos’io!
Banditore: Comme faccio, comme faccio? Comme ce ‘o dico alla regina. Maestà, sappiate che vostro figlio, il principino, vi partecipa le sue nozze con cenerello o’ ricchione.
Cenerello: Tu non te preoccupà: io tengo ‘a mazza!
Banditore: E io tengo o’ pivezo, ce putimmo fa’ ‘na partita.
Cenerello: Io tengo ‘na mazza cu’ nu genio che veglia alle mie spalle.
Banditore: Stù genio avesse fatto buono a s’ mettere ‘e lenti: mo stessemo tutte quante cchiù quiete!
Cenerello: (maneggiando la scopa e armeggiando per far uscire il genio) Stateve quiete cinque minuti e faciteme fa’ ‘o speziale. Genio… genio… e scetatte mannaggia ‘a te! (soliti rumori e giochi di luce)
Genio: Sono il genio della mazza, la finisci di rompermi… il riposo?
Cenerello: Genio, voglio essere trasformata un’altra volta in una donna bellissima e definitivamente.
Genio: Lo farò ma poi non potrai chiedermi più nulla.
Cenerello: Allora dammi prima tre o quattro milioni di dollari e poi trasformami in donna.
Genio: Va bene, allora uno due tre:

Un incantesimo io devo fare
che tutto il mondo deve ammirare.
E questa cassa chiena ‘e mappine
trasformo in oro brillante e rubini.
Recchia calante, donna crescente
eri una recchia e mò nun sì niente
donna bellissima tu resterai
fino a che ‘o sango non jettarrai.
(il genio sparisce, il banditore esterrefatto dal cambiamento di Cenerello tenta di toccarlo)
Cenerello: Ue e comme te permiette d’allungà ‘e mane sulla principessa?
Avanti, spicciati. Portami subito dal principino
lassamme perdere chesta mappina
un bell’erede io gli darò
così felice lo renderò.
Matrigna: Tenete sempre nella memoria
Banditore: Di Cenerello questa è la storia
Cenerello: Stretta la foglia, larga la via
Tutti: Dite la vostra che io dico la mia.

----- Chiude rapidamente il sipario -----

Hai bisogno di aiuto in Cinema?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email