Ominide 6604 punti

La legge di Hubble

Una delle più importanti scoperte dell'astronomia moderna si deve a Edwin Hubble (1889-1953) e risale al 1929.
Osservazioni compiute diversi anni prima mostravano che lo spostamento Doppler misurato per la maggior parte delle galassie avveniva verso il rosso. Lo spostamento verso il rosso (red shift) indica che l'oggetto luminoso (la galassia) e l'osservatore (la Terra) si stanno allontanando l'uno dall'altro.
Non solo: Hubble scoprì che le galassie più distanti mostravano spostamenti maggiori verso il rosso, deducendo che esse si allontanano da noi più velocemente. Secondo questa ipotesi, oggi nota come legge di Hubble, le galassie si allontanano da noi a una velocità proporzionale alla loro distanza.
Tutto questo si può interpretare assumendo che l'Universo sia in espansione. Per capire meglio questo concetto useremo un paragone molto noto. Supponiamo di aver preparato un impasto per il pane con l'uvetta e di averlo lasciato lievitare per alcune ore.

Quando le dimensioni dell'impasto saranno raddoppiate, anche le distanze tra le uvette saranno raddoppiate. Le uvette inizialmente più lontane l'una dall'altra avranno percorso nello stesso tempo una distanza maggiore rispetto a quelle inizialmente più vicine.

Hai bisogno di aiuto in Geografia astronomica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email