judy29 di judy29
Ominide 530 punti

I corpi minori del Sistema solare


Sono asteroidi, meteore e meteoriti, comete.
Gli asteroidi catalogati sono circa 20 000. In gran parte si trovano nella fascia di asteroidi tra le orbite di Marte e di Giove. Molti hanno un’orbita che interseca quelle degli altri pianeti. Sono presenti anche intorno a Giove e altri che ruotano su orbite allungate che intersecano anche quella di Nettuno e per questo definiti trans-nettuniani. Anche Plutone è un asteroide trans-nettuniano ed è accompagnato dal satellite Caronte.
Gli asteroidi si sono formati per aggregazione di corpi più piccoli e il loro materiale è quanto ci sia di più simile al materiale originario del Sistema solare.

Meteore e meteoriti sono frammenti di materiale in orbita intorno al Sole troppo piccoli per essere chiamati asteroidi o comete. Uno di questi frammenti quando si avvicina all’orbita di un pianeta può essere attratto dal suo campo gravitazionale e attraversarne l’atmosfera:

    Se l’oggetto è molto piccolo l’attrito con l’atmosfera lo rende incandescente e lo fa evaporare. Il fenomeno dà origine ad una scia luminosa che viene chiamata meteora o stella cadente
    Se il corpo è abbastanza grande da non essere consumato dall’attrito, il materiale raggiunge la superficie del pianeta causando un cratere da impatto e costituisce una meteorite.

Le meteoriti a seconda della loro composizione mineralogica sono divise in tre gruppi:
    Lititi, simili a rocce. Ad esse appartengono le condriti che contengono sferette dall’aspetto vetroso chiamate còndrule.
    Sideriti, metalliche (ferro in lega con nichel), cono frammenti nucleo metallico di piccoli asteroidi completamente frantumati in una qualche collisione.
    Sideroliti, miscuglio di materiale roccioso e metallico.

Le comete sono nuclei di polveri e ghiacci che ruotano a grandi distanze dal Sole ma che possono inserirsi in un’orbita che li portano all’interno del sistema planetario perdendo nello spazio lunghe scie di polveri dette code. Ad ogni passaggio intorno al Sole perdono, quindi, una parte di materia e col tempo diventa meno luminosa fino ad estinguersi dopo un certo numero di passaggi. La più famosa è la cometa di Halley osservabile ogni 76 anni.
Le comete a lungo periodo (con i tempi di percorrenza di oltre 200 anni) nascono dalla nube di OOrt, un alone sferico intorno al Sole e ai pianeti.
Le comete a breve periodo (meno di 200 anni) provengono invece dalla parte più interna della nube, cioè dalla fascia di Kuiper.
Le comete possono entrare in collisione con un pianeta ed è per tale via che la Terra, all’inizio della sua evoluzione, ha ricevuto gran parte delle sua riserve di acqua. Le polveri cometarie, inoltre, sono ricche di composti organici che potrebbero aver svolto un ruolo importante nel dare origine ad ambienti adatti alla sviluppo della vita.
Hai bisogno di aiuto in Geografia astronomica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email