_kia96_ di _kia96_
Ominide 1825 punti

Caratteristiche generali dei pianeti

I pianeti di distinguono in:
- Tipo terrestre: hanno un rivestimento esterno solido chiamato crosta (Mercurio, Venere, Terra, Marte). Hanno massa piccola, pochi satelliti, bassa velocità di rotazione. La densità è superiore rispetto ai pianeti gioviani, sono costituiti da materiali rocciosi e metallici, vi sono minime quantità di gas.
- Tipo gioviano: privi di involucro esterno solido (Giove, Saturno, Urano, Nettuno). Hanno una grande massa, numerosi satelliti, un'elevata velocità di rotazione e per questo una forma più schiacciata dei pianeti terrestri (un maggiore forza centrifuga e un rigonfiamento equatoriale). Sono costituiti da idrogeno, elio e ghiaccio. Sono corpi enormi, gassosi e freddi diversi. Forse al centro c’è un nucleo metallico e hanno molti satelliti.
L’atmosfera è un involucro gassoso, trattenuto intorno al pianeta dalla forza di gravità (composizione, densità e spessore vari). I gioviani hanno tutti un’atmosfera densa costituita da molecole leggere d’idrogeno, elio, metano e ammoniaca, non è ossidante (non hanno ossigeno). Quelli terrestri hanno atmosfera meno densa con grandi differenze, hanno una composizione varia, ma solitamente sono assenti gas leggeri. Solo la Terra ha un'atmosfera ossidante (20% ossigeno).

La presenza di un atmosfera più o meno densa dipende dalla massa del pianeta e dalla distanza dal Sole: i pianeti gioviani essendo più pesanti, infatti, trattengono le molecole dei gas leggeri e per la bassa temperatura (grande distanza dal sole), le molecole delle sostanze che costituiscono l’atmosfera non raggiungono una velocità di fuga sufficiente. Sui pianeti di tipo terrestre l’atmosfera è importante perché contribuisce a definire la temperatura superficiale del pianeta in base alla capacità di riflettere/assorbire radiazioni e determina l’albedo (potere riflettente). Le proprietà dell’atmosfera dipendono dalla sua composizione: può fungere da schermo e fermare le radiazioni nocive (ozono sulla Terra), può impedire la dispersione del calore della superficie, può essere sede di fenomeni fisici/chimici.

La temperatura superficiale è influenzata da diversi fattori:
1) distanza del sole;
2) Durata del giorno e notte;
3) Inclinazione dell'asse di rotazione (variazioni insolazioni e irraggiamento);
4) Presenza dell'atmosfera che trattiene calore;
5) Calore interno del pianeta che determina un’emissione di radiazioni infrarosse verso l’esterno.

Hai bisogno di aiuto in Geografia astronomica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email