Video appunto: Aurora boreale

Aurora Boreale



In questo appunto viene spiegato cosa sia l'aurora boreale. L’aurora boreale è fenomeno luminoso della Terra che si verifica principalmente in alte latitudini di entrambi gli emisferi. Le aurore nell'emisfero settentrionale sono chiamate aurora boreale o aurora polare.
Le aurore boreali sono causate dall'interazione di particelle energetiche ( elettroni e protoni ) del vento solare con gli atomi dell'alta atmosfera.
Tale interazione è limitata per la maggior parte alle alte latitudini in zone di forma ovale che circondano i poli magnetici della Terra e mantengono un orientamento più o meno fisso rispetto al Sole. Durante i periodi di bassa attività solare, le zone aurorali si spostano verso il polo. Durante i periodi di intensa attività solare, le aurore si estendono occasionalmente alle medie latitudini. Per esempio, l'aurora boreale è stata vista fino a 40 ° di latitudine sud negli Stati Uniti. Le emissioni aurorali si verificano tipicamente ad altitudini di circa 100 km (60 miglia); tuttavia, possono verificarsi ovunque tra 80 e 250 km sopra la superficie terrestre.
Le aurore assumono molte forme, comprese tende luminose, archi, fasce. L'arco uniforme è la forma più stabile di aurora, a volte persiste per ore senza variazioni evidenti. Tuttavia possono apparire in una grande forma che comunemente subiscono variazioni drammatiche. I bordi inferiori degli archi e delle pieghe sono generalmente molto più definiti rispetto alle parti superiori. I raggi verdastri possono coprire la maggior parte del cielo verso i poli dello zenit magnetico, terminando in un arco che di solito è piegato e talvolta bordato con un bordo rosso inferiore che può incresparsi come un drappeggio. La visualizzazione termina con un ritiro verso il polo delle forme aurorali, i raggi degenerano gradualmente in aree diffuse di luce bianca.



Altre caratteristiche dell'aurora boreale



Ecco delle altre caratteristiche sull'aurora boreale.
Le aurore ricevono la loro energia dalle particelle cariche che viaggiano tra il Sole e la Terra lungo campi magnetici simili a funi. Le particelle sono guidate dal vento solare, catturate dal campo magnetico terrestre e condotte verso il basso verso i poli magnetici. Si scontrano con atomi di ossigeno e azoto , respingendo elettroni per lasciare gli ioni in stati eccitati. Questi ioni emettono radiazioni a varie lunghezze d'onda, creando i colori caratteristici (rosso o blu verdastro) dell'aurora.
Oltre alla Terra, ci sono altri pianeti del sistema solare che hanno atmosfere e campi magnetici sostanziali come Giove, Saturno, Urano e Nettuno, mostrano l'attività aurorale su larga scala. Le aurore sono state osservate anche sulla luna di Giove.
Sebbene le aurore appaiano nell'atmosfera, sono il risultato di forze extraterrestri. Tuttavia, queste forze non sono particolarmente aliene. La corona del Sole, la regione più esterna dell'atmosfera del Sole, costituita da plasma (gas ionizzato caldo), allontana il vento solare, ovvero un flusso di particelle di protoni ed elettroni, dal Sole . Alcune di queste particelle ad alta energia colpiscono il campo magnetico terrestre e seguono le linee del campo magnetico nell'atmosfera terrestre ai poli magnetici Nord e Sud.
L'atmosfera terrestre è composta principalmente da azoto e ossigeno. Una volta che le particelle solari raggiungono l'atmosfera terrestre, entrano in collisione con atomi di azoto e ossigeno, strappando i loro elettroni per lasciare gli ioni in stati eccitati. Questi ioni emettono radiazioni a varie lunghezze d'onda, creando i colori caratteristici. Le collisioni di particelle solari con l'ossigeno producono luce rossa o verde; le collisioni con l'azoto producono luce verde e viola.

A cura di Anny.