Ominide 643 punti

Accrescimento per sublimazione e per coalescenza


L’accrescimento per sublimazione detto anche processo di Bergeron, dal nome del meteorologo svedese che lo scoprire, da origine a gran parte delle precipitazioni che avvengono nelle nubi fredde delle medie latitudini, caratterizzate da temperature molto inferiori a 0 °C. Nella parte più alta della nube si formano piccoli aghetti di ghiaccio che si accrescono a scapito del vapore d’acqua grazie alle particolari condizioni di pressione e di temperatura.

Quando cristalli di ghiaccio raggiungono dimensioni tali da poter cadere al suolo vincendo la resistenza dell’aria, possono generare fiocchi di neve, se la temperatura dello strato d’aria sottostante è inferiore a 0 °C, oppure sciogliersi e generare gocce di pioggia, se la temperatura è superiore a 0 °C.

Accrescimento per coalescenza: forti precipitazioni piovose possono essere associate a nubi con temperature superiori a 0 °C, come accade per esempio nelle aree tropicali. In queste nubi calde le goccioline più grandi sono spinte verso l’alto da correnti ascensionali e collidono con goccioline più piccole, aumentando progressivamente le proprie dimensioni. Una volta che hanno raggiunto il diametro di 200 μm cominciano a cadere e si ingrandiscono ulteriormente nella collisione con altri goccioline, diventando abbastanza grandi da arrivare al suolo priva di evaporare completamente.

Hai bisogno di aiuto in Geografia astronomica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017