Video appunto: Apparizioni di Medjugorje

Le apparizioni mariane di Medjugorje



Medjugorje è un piccolo villaggio dell'ex-Jugoslavia, in quella regione che ora è la Bosnia ed Erzegovina. Anonima località, lo sarebbe rimasta se il 24 giugno 1981 un evento spettacolare non avesse cambiato la storia di quel luogo.
Secondo le testimonianze la Madonna apparve quel giorno per la prima volta a sei ragazzi su una bassa collina ai piedi del monte Crnica: il Podbrdo, una delle località oggi più visitate dai pellegrini di tutto il mondo.
Tra questi sei si trovavano quattro dei presunti veggenti di cui riportiamo i nomi: Ivanka Ivanković, Mirjana Dragićević, Vicka Ivanković e Ivan Dragićević.
A loro apparve una figura luminosa, una donna che fece loro cenno di avvicinarsi. I ragazzi si spaventarono e scapparono. Ne parlarono con gli adulti a casa, i quali consigliarono di non menzionare l'accaduto per paura di ripercussioni da parte della milizia governativa. Il fatto però era così eclatante che la notizia si sparse e, il giorno successivo un gruppo di curiosi si reca al Podbrdo per assistere all'apparizione.
La Madonna si manifesta ai quattro ragazzi più altri due prescelti: Marija Pavlović e Jakov Čolo. Il giorno 25 giugno sarà marcato come anniversario delle apparizioni. Le apparizioni di Medjugorje continuano tutt'ora. La Madonna si manifesta ai veggenti in altri luoghi. Inizia così la storia delle apparizioni di Medjugorje, una storia che arriva fino a oggi con milioni di pellegrini che si recano in visita ogni anno in questi luoghi santi.
La Madonna porta messaggi di pace, amore e conversione, dieci anni prima della guerra che tormenterà la Jugoslavia dividendola negli attuali stati, ma ha donato ai veggenti dieci segreti riguardanti il futuro prossimo. Durante le prime apparizioni nel 1981 i veggenti ricevettero rivelazione di eventi che sarebbero successi di lì a poco, "nell'arco della nostra generazione".
Questi dieci segreti sono suddivisi in tre ammonimenti e in sette castighi.
Questi tre ammonimenti, dicono i veggenti, costringeranno il mondo a fermarsi e riflettere, il che fa pensare a eventi catastrofici che i veggenti dichiarano di aver visto durante le apparizioni.
Il Papa ha accolto la richiesta di Padre Tomislav Vlašić di riduzione allo stato laicale. Padre Vlašić, ex parroco di Međugorje e per molti anni guida spirituale dei veggenti, era sotto inchiesta del Vaticano per aver diffuso "eresie", per "manipolazione delle coscienze" e per aver avuto rapporti sessuali con una suora. La rinuncia al sacerdozio ha evitato la scomunica per eresia.
Il vescovo di Mostar, Ratko Perić, ha ribadito di non credere alle apparizioni. Per monsignor Perić la "figura femminile apparsa a Međugorje" ha più volte espresso pensieri completamente contraddittori agli insegnamenti della Chiesa.
Inchieste giornalistiche hanno accusato alcuni veggenti di aver lucrato sulle cosiddette apparizioni diventando proprietari di alberghi, resort, aziende che promuovono pellegrinaggi nella località
Tutt'ora la Chiesa non si è dichiarata riguardo alla presunta veridicità delle apparizioni, nonostante sia stata aperta una commissione d'inchiesta.