Ominide 548 punti
Questo appunto contiene un allegato
Foscolo, Ugo - Vita (13) scaricato 1 volte

Ugo Foscolo, o meglio dire Niccolò (come il nonno) nasce a Zante nel 1778 (primogenito di 4 fratelli) da padre Veneziano e da madre Greca. Si riteneva fortunato di avere un padre e una madre di due zone differenti, perché così potette studiare le origini delle due terre. Esso si ritrova a vivere in un'era dove sorgono correnti neoclassiche e romantiche. Dopo la morte del padre si trasferisce con la sua famiglia a Venezia, dove lui la considererà come sua seconda patria. A Venezia frequenta i salotti (1797). L'arrivo di Napoleone in Italia inizialmente lo emoziona, lo entusiasma, così si arruola a Bologna nei cacciatori a cavallo della nuova Repubblica Cisalpina. Ma ben presto dirà il contrario. A lui dedica l'ode "A Bonaparte liberatore". Con il trattato di Campoformio del 17 Ottobre 1797 e la cessione di Venezia all'Austria, svanisce il sogno politico. Così Foscolo si trasferisce a Milano e nel 1798 si trova a Bologna e inizia la stesura del romanzo epistolare "ultime lettere di Jacopo Ortis", che pubblicherà nel 1802 dove l'autore esprime i suoi entusiasmi giovanili. Dopo la sconfitta di Napoleone, nel 1814, Foscolo è spinto a scegliere tra l'esilio o la fedeltà del nuovo regime. Ovviamente sceglie l'esilio, così dopo una breve tappa a Zurigo, Foscolo si trasferisce a Londra (1816), dove morirà in estrema miseria nel 1827.

Hai bisogno di aiuto in Ugo Foscolo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email