Nasce a Zante nel 1778 e muore nel 1827 a Londra. La madre è greca e si chiama Diamantina Sphatis.
Ugo Foscolo, nel carattere, è contemporaneamente narcisista, passionale ma anche tendendte alla malinconia e all'autodistruzione. Con Foscolo nasce la figura di scrittore borgheseed'è colui che scrive per vivere.
Foscolo fù un donnaiolo, passò la sua vita tra litigi e amori...amava Napoleone ma da lui ebbe una grande delusione. Foscolo morirà suicida a Londra.

Opere

1797 ----> trattato di Campoformio, Napoleone lo stipula con gli austriaci, Foscolo fù influenzato da Parini e da Alfieri.
1797 ----> scrive la tragedia di "Tieste" imitando Alfieri.
1796-1802 ----> fa il primo abbozzo "Le ultime lettere di Jacopo Ortis", successivamente lo completerà.
1799 ----> scrive la prima ode a "Luigia Pallavicina caduta da cavallo", Luigia cade da cavallo e si deturpa il viso e lui spera che il suo viso torni come prima.

1802 ----> scrive la seconda ode "All'amica risanata", l'amata Antonietta Fagnani Arese era molto malata e lui spera che si possa rialzare dal letto e guarire.
1802-1803 ----> pubblica l'ultima edizione di dodici sonetti e 2 odi.
1804-1806 ----> quando è in Francia, traduce "Viaggio sentimentale" di Sterne e scrive "Notizie intorno a Didimo Chierico" e nel 1813 lo pubblica.
1806 ----> torna a Venezia , ristabilisce il rapporto con Isabella Teotochi Albrizzi e con i Pindemonte.
1807 ----> pubblica i "Sepolcri".
1811 ---->rappresenta alla Scala di Milano "l'Ajace".
1812-1813 ----> è di nuovo a Firenze, dove intreccia una relazione amorosa con Quirina Mocenini, chiamata "la donna gentile" e incomincia la stesura del poema "Le Grazie" rimasta incompiuta.

Le ultime lettere di Jacopo Ortis

E' un romanzo epistolare ed'è indirizzato all'amico Lorenzo ed alcune lettere furono scritte anche per l'amata Teresa.
Nelle ultime lettere di Jacopo Ortis viene fuori l'alter ego foscoliano ed'è un testo autobiografico.
Foscolo si rifugia nella casa del Signor T (è un segreto di Foscolo, nessuno sa chi sia) dove incontra Teresa e se ne innamora ma Teresa è promessa sposa ad Odoardo.
Si avverte la crisi dei valori illuministici perchè è venuta meno ogni fiducia positiva nei valori civili e nella storia. La storia è intesa come territorio dell'irrazionalità.

Alla Sera

2 Quartine ----> parte descrittiva

2 Terzine ----> parte riflessiva

Ha un' impronta Neoclassica, ha degli endecasillabi con rima alternata ed'è ricca di enjambement.
La Sera per Foscolo è una musa a cui si ispira
Ha una costruzione sintattica-ipotattica cioè esiste una frase principale e più subordinate.

A Zacinto

Questo è il sonetto più neoclassico nello stile e per i riferimenti mitologici.
Il sonetto incomincia con una negazione "ne", sembra che sia in meditazione, la condizione è dell'esule.
Pensa che lui non tornerà mai alla sua terra d'origine e dice che nessuno, quando morirà, andrà a piangere sulla sua tomba perchè appunto non è nella sua città.
Nel sonetto fa due invocazioni sulla Terra cioè crede che sulle sponde del suo fiume sia nata Venere.

Hai bisogno di aiuto in Ugo Foscolo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email