Ominide 8097 punti

“Le ultime lettere di Jacopo Ortis


“Le ultime lettere di Jacopo Ortis” è un romanzo ed è la prima opera importante di Ugo Foscolo.
Una prima redazione dell’opera “Le ultime lettere di Jacopo Ortis” è stata stampata dall’autore nel 1798 a Bologna, tuttavia, l’opera rimase interrotta perché in quel periodo Foscolo combatté contro gli Austro-Russi.
Lo stampatore, per poter incentivare la vendita del libro, lo fece completare da un certo Angelo Sassoli.
In seguito, il romanzo fu ripreso da Foscolo e infine fu pubblicato a Zurigo nel 1816 e a Londra un anno dopo.
“Le ultime lettere di Jacopo Ortis” è un’opera giovanile, ma anche un romanzo che l’autore considerò centrale nella propria esperienza e realizzazione letteraria.
“Le ultime lettere di Jacopo Ortis” è realizzato sotto forma di un romanzo epistolare: esso è scritto sotto forma di lettere che il protagonista invia ad un suo amico.
Il romanzo è stato notevolmente ispirato da un’opera appartenente alla letteratura straniera, ovvero “I dolori del giovane Werther” di Goethe, di cui, infatti, riprende gli aspetti essenziali e l’intreccio. In entrambi i romanzi la vicenda ha come protagonista un giovane che si suicida per amore di una donna che è destinata in sposa ad un altro uomo.
Il romanzo è caratterizzato da un certo pessimismo, ottenuto attraverso la ricerca di valori positivi, come l’affetto e l’amore per la patria.
Quest’opera ha un’importanza fondamentale in quanto introduce in Italia il genere del romanzo moderno, caratterizzato dal prevalere dell’enfasi oratoria.
Hai bisogno di aiuto in Ugo Foscolo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email