Ominide 8404 punti

A scuola dallo stregone di Carlos Castaneda

Questa è la storia di un incontro e di un lungo viaggio destinati a sconvolgere la vita del protagonista. Ciò che lo studente di antropologia Carlos Castaneda incontra, durante i suoi studi sulla tribù messicana yaqui, non è una persona ma un cactus allucinogeno, il peyote. Secondo le credenze degli indios è proprio il peyote, “Mascalito” per gli amici, a cercare l’uomo, e non viceversa, per donargli in sogno gli antichi insegnamenti magici degli Yaqui. Mescalito si presenta a chi lo assaggia di volta in volta sotto sembianze diverse, talvolta spaventose, talaltra rassicuranti: in questo casa è un cane giocoso che scherza con il visitatore straniero.
A scuola dallo stregone, pubblicato in Italia nel 1970, è un’opera di etnologia e, al tempo stesso, un romanzo. L’autore, studente di antropologia presso l’Università di Los Angeles, vi descrive i suoi primi incontri con don Juan, un indio della tribù messicana yaqui, che lo inizia alla via della conoscenza tramite l’uso del peyote, confidenzialmente chiamato “Mescalito”. Durante i periodi di permanenza presso il suo maestro, Castaneda vive nel deserto sperimentando erbe, piante e funghi allucinogeni, in una sorta di sogno continuo e di viaggio interiore alla scoperta di se stesso e delle infinite possibilità dell’animo umano.

Carlos Castaneda è uno studioso di etnologia dedicò la sua vita a diffondere gli insegnamenti ricevuti dal suo maestro-sciamano don Juan, dal quale aveva imparato, grazie soprattutto all’uso dei fughi allucinogeni, le infinite potenzialità dell’uomo, visto come centro di energia in grado di evolversi attraverso “passaggi magici” e di cancellare il confine tra i sogni e la realtà. Scrisse libri tradotti in tutto il mondo, come la tetralogia Le lezioni di don Juan, Realtà separata, Viaggio a Ixtlan, Il secondo anello del potere, ed ebbe numerosi discepoli. Secondo i suoi detrattori egli fu invece, semplicemente, uno dei tanti guru improvvisati che fanno fortuna sull’ingenuità di persone bisognose di spiritualismo e che ebbe l’intuizione di inventarsi un personaggio affascinante come don Juan. La sua opera s’inserisce, in ogni caso, nel filone della beat generation e di quei movimenti che, negli anni Sessanta, si ponevano in contrasto con la contemporanea società tecnologica e consumistica, promuovendo l’uso della droga come mezzo per raggiungere una dimensione spirituale.

Hai bisogno di aiuto in Italiano per la scuola superiore: Riassunti e Appunti?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email