Ominide 4865 punti

Soldati - Giuseppe Ungaretti - Commento

Il testo poetico è caratterizzato da concisione, essenzialità ed incisività.
Un'unica frase articolata in quattro versi (e caratterizzata da altrettanti enjambements) che rendono il ritmo poetico spezzato.
Questa poesia può essere considerata, assieme a 'Mattina' una delle più grandi espressioni del movimento letterario dell'Ermetismo, di cui Giuseppe Ungaretti fu uno dei massimi esponenti in una prima fase della sua poetica.
In soli quattro versi, il poeta ha metaforicamente rappresentato la condizione dei soldati contestualizzati non solo nel periodo della Grande Guerra, bensì in ogni epoca storica. La tematica centrale è quella della precarietà e fugagità dell'esistenza umana, in particolar modo, riferita alla condizione dei soldati al fronte. Si sta come d'autunno gli alberi le foglie è un'affermazione universale, una malinconica constatazione della fugacità della nostra esistenza. In fondo, non siamo niente altro che foglie appese ad un ramo nel periodo autunnale, che possono cadere da un momento all'altro: ingiallite e secche, basta un soffio di vento o una goccia d'acqua a portarle via, indipendentemente da quanto queste si aggrappino all'albero.

La condizione dei soldati è, pertanto, quella di fragili foglie che, nell'incertezza, nella più totale fragilità, possono cadere da un momento all'altro.

Hai bisogno di aiuto in Giuseppe Ungaretti?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email