Pagina di diario sul terrorismo


Caro diario,
Questa volta non ti scrivo per raccontarti la mia giornata a scuola, ma per parlarti di una cosa ben più importante: il terrorismo in Irak, le innumerevoli stragi e i quotidiani sequestri a cui ormai siamo abituati ad assistere.
Affronto per la prima volta quest’argomento con te perché credo sia arrivato il momento di guardare in faccia la crudissima realtà che la tv e i giornali c’illustrano ogni giorno ma che io non riesco ancora ad affrontare. Lo so, questo è un comportamento da vigliacchi, ma è difficile accettare una situazione come questa…Sparatorie, attentati, kamikaze, autobus scolastici fatti saltare in aria, volontari rapiti, ostaggi decapitati, bambini uccisi… Ormai sulle prime pagine di ogni quotidiano del mondo non leggiamo altro che titoli come “Decapitato l’ostaggio americano”, “I terroristi uccidono due sciiti”, “Dolore e rabbia ai funerali di Quattrocchi”, “il capo di Al Qaeda lancia l’ordine di catturare ostaggi, anche italiani”, ed ancora “oggi arrivano a Roma le bare delle vittime di Nassirya”, “Un bagno di sangue chiude la settimana del terrore”, , “Enzo Baldoni, il reporter con il sorriso”, “Simona e Simona, vi aspettiamo”,“Sono oltre 150 i bambini uccisi dai guerriglieri islamici in Ossezia”…
Ecco, vorrei che tu, caro mio diario, concentrassi la tua attenzione su questa notizia, che ti riassumerò brevemente. Il 1 Settembre a Beslan, nell’Ossezia del Nord, un gruppo di guerriglieri islamici sequestra un’intera scuola con centinaia di ostaggi. Dopo due giorni intervengono i corpi speciali che riescono a portare in salvo numerosi bambini e uccidere venti terroristi. Il bilancio delle vittime è tuttavia pesantissimo: 394 morti, 112 dispersi, e decine di piccolini salvi per miracolo che però resteranno per sempre traumatizzati e segnati psicologicamente insieme a tutti noi.
Tutto ciò è terribile, e non soltanto per le infinite vittime, ma perché purtroppo non è facile, o addirittura è impossibile sopprimere la spietatezza di questi uomini non tanto uomini che disseminano paura, panico, orrore, angoscia, inquietudine, smarrimento…Il terrore la fa da padrone, perché in grado di colpire senza difficoltà un’ambasciata americana o una scuola russa, rapire, massacrare, sparare o decapitare chiunque in nome di un qualcosa chiamato “Jihad”, ovvero guerra santa, ma che sinceramente tanto santa non è.
Ogni volta che ci penso, mi chiedo il perché. Ma più mi spremo il cervello, più capisco che un perché non c’è. Dico: forse il mondo è pieno di pazzi, in fondo di Hitler, Milosevic, Saddam, Bin Laden e tutti gli altri, la gente afferma siano questo, pazzi.
È una tesi quasi assurda, ma per me è l’unica attendibile. Molti dicono che sia la religione a determinare questo loro comportamento, ma personalmente credo che questa sia solo una scusante.
Ovunque si legge che gli estremisti islamici conducano una lotta religiosa contro gli infedeli, nemici dell’Islam, con l’intento di costruire la Casa di Dio e degli Uomini. Ok ho capito, loro considerano noi occidentali dei traditori, che non siamo degni di vivere. Ma miei cari scienziati, un uomo non può uccidere centinaia di bambini allo scopo di eliminare gli “infedeli”, perché quegli innocenti non potevano mai esserlo!Erano bambini! Non avevano nessuna colpa, o forse ne avevano solo una, quella di essere nati in un mondo in cui la pace forse è solo un’utopia.
Hai bisogno di aiuto in Analisi del testo e scrittura di testi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email