Ominide 943 punti

PUNTO DI VISTA O FOCALIZZAZIONE


Quando il narratore racconta la vicenda è naturalmente portato a rappresentarla secondo una determinata angolazione, che può essere la sua o quella di un personaggio.
La prospettiva con cui è presentata la storia si chiama punto di vista o impiega un termine tecnico proprio del linguaggio cinematografico, FOCALIZZAZIONE.
Distinguiamo tre tipi di focalizzazione:
- focalizzazione zero;
- focalizzazione interna;
- focalizzazione esterna;

1. FOCALIZZAZIONE ZERO : in questo caso il narratore osserva la storia con i suoi personaggi dall'alto, sa tutto di loro, conosce perfettamente tutte le vicende; il narratore quindi è onnisciente, conosce i luoghi e i tempi in cui esse avvengono; conosce i pensieri, può scavare anche nell'animo dei personaggi e rivelare i loro pensieri più intimi, di cui i personaggi stessi non hanno piena consapevolezza; conosce il passato, il presente e il futuro di ogni personaggio.

Il narratore vede tutto e sa più degli altri stessi protagonisti ed è in grado di esporre eventi che accadono contemporaneamente in luoghi diversi (presenza di anelassi /prolessi)

2. FOCALIZZAZIONE INTERNA: è la presentazione dei fatti secondo il punto di vista di chi agisce o è presente all'azione, si tratta di una prospettiva parziale, perché il narratore è spesso interno e coincide con un personaggio. Tuttavia il narratore può anche essere esterno e raccontare gli eventi secondo l'ottica specifica di un personaggio; racconta in terza persona, ma descrive i fatti riportando con precisione solo ciò che il personaggio progressivamente vede, fa e pensa.

3. FOCALIZZAZIONE ESTERNA: in questo caso il narratore sa meno dei personaggi, perché è un narratore esterno alla storia e si limita a registrare ciò che vede senza esprimere giudizi né commenti.

Hai bisogno di aiuto in Analisi del testo e scrittura di testi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email