Ominide 36 punti

Agricoltura ecocompatibile o sostenibile


L'agricoltura convenzionale è caratterizzata da una forte specializzazione, un elevato consumo di energia ausiliaria e non sempre e così rispettosa dell'ambiente.
A partire dagli anni '80 ci si è accorti che questo tipo di agricoltura poteva determinare un deterioramento dell'ecosistema, perciò si è cominciato a parlare di agricoltura ecocompatibile o sostenibile.
Nel '92, durante una conferenza di livello mondiale tenutasi a Rio, venne messa a punto l' Agenda XXI, una raccolta di obiettivi in vista del XXI secolo riguardanti la sostenibilità e in particolare l'agricoltura.
Sviluppo sostenibile significa rispondere alle esigenze del presente senza compromettere le future generazioni.
Complessivamente l'agricoltura ecocompatibile persegue non soltanto il reddito dell'azienda ma anche la salute dell'agricoltore e del consumatore, inoltre ha come obiettivi:
    - Difesa della biodiversità
    - Riduzione dei consumi energetici
    - Riduzione delle emissioni di inquinanti atmosferici
    - Riduzione dei consumi idrici
    - Riduzione dei rifiuti
    - Tutela della qualità delle acque
    - Tutela della natura
L'agricoltura sostenibile si può differenziare in: agricoltura integrata e agricoltura biologica.

Agricoltura integrata

Il punto centrale di questo tipo di agricoltura è la lotta integrata che si basa sul contenimento delle popolazioni di patogeni al di sotto della soglia di danno, quindi si interviene soltanto quando i parassiti sono presenti in quantità tale da risultare dannosi.
L'agricoltura integrata non esclude perciò l'utilizzo di prodotti chimici.

Agricoltura biologica

Può essere descritta come l'insieme delle tecniche agronomiche basate sulle relazioni naturali tra esseri viventi, terreno e clima.
L'agricoltura biologica ha lo scopo di limitare il degrado ambientale, ridurre lo sfruttamento dell'ambiente e favorire la salute dell'uomo, sono utilizzate prevalentemente energie rinnovabili e tecniche colturali che assicurano una duratura fertilità del terreno .
Sono preferibili le aziende con il binomio coltura-allevamento dato che favoriscono il ciclo della materia.
Non vengono utilizzati prodotti chimici di sintesi né sistemi di forzatura delle produzioni agricole come ad esempio serre riscaldate.
Hai bisogno di aiuto in Agraria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email