Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Heidegger, la lettera sull'umanesimo

Questo appunto si riferisce al corso di Filosofia e storia delle idee tenuto dal professor Giuseppe Cacciatore. La prima stesura della Lettera sull'«umanismo» è lo scritto che Heidegger invia a Jean Beaufret nel 1946 in risposta ad una sua lettera. Lettre à Jean Beaufret è, infatti, il titolo sotto il quale la versione originale della lettera compare, seppur in forma parziale, per la prima volta nella rivista «Fontaine», corredata da un'introduzione di Beaufret dal titolo Heidegger et le problème de la vérité.La prima versione della Lettera fu poi rielaborata da Heidegger e pubblicata in appendice alla nuova edizione del suo saggio sulla dottrina platonica della verità, uscita nella collana fondata da Ernesto Grassi e Wilhelm Szilasi nel 1947. Quest'ultimo dato è importante se si pensa che lo stesso Grassi avrebbe poi scritto un libro dal titolo Heidegger e il problema dell'umanismo, con l'intento di mostrare una linea diversa di umanismo, non ascrivibile alla tradizione "platonizzante" alla quale pensa Heidegger, ma a quella latina che attribuisce alla poesia carattere fondante e che, per ciò stesso, appare più affine al "pensiero della svolta" di quanto lo stesso Heidegger potesse sospettare. Due anni più tardi, nel 1949, la lettera fu ripubblicata singolarmente con il titolo Über den «Humanismus».

Download Gratis

Voto: 5 verificato da Skuola.net

  • 15
  • 15-11-2011
1di 3 pagine totali
 
+ -
 
>
Heidegger, la lettera sull'umanesimo
Scrivi la tua recensione »

Recensioni di chi ha scaricato il contenuto

Questo contenuto si trova sul sito http://www.federica.unina.it/corsi/filosofia-e-storia-delle-idee/
Skuola.net ne mostra un'anteprima a titolo informativo.
Anteprima Testo:
M. Heidegger, la lettera sull'umanismo: l'etica originaria, Giuseppe Cac...
1 di 3
http://www.federica.unina.it/lettere-e-filosofia/filosofia-e-storia-delle-...
Home
« 1/13 »
Giuseppe Cacciatore » 2) M. Heidegger, la lettera sull'umanismo: l'etica originaria
Storia editoriale della Lettera
La prima stesura della Lettera sull'«umanismo» è lo scritto che Heidegger invia a Jean Beaufret nel 1946 in ri Lettre à Jean Beaufret è, infatti, il titolo sotto il quale la versione originale della lettera compare, seppur in fo La prima versione della Lettera fu poi rielaborata da Heidegger e pubblicata in appendice alla nuova edizione Due anni più tardi, nel 1949, la lettera fu ripubblicata singolarmente con il titolo Über den «Humanismus».
La lettera di Beaufret
Nella seconda parte della lettera di Beaufret, la quale si iscrive nel In particolare, Beaufret, nell'esprimere il desiderio di «precisare il r Inoltre, Beaufret parla esplicitamente delle possibili insidie insite n
Le domande di Beaufret
Martin Heidegger. immagine da:Spring time
L'irrazionalismo potrebbe essere considerato come un luogo comun Al centro dei primi corsi di Friburgo era il problema della storicità Eppure, l'intenzione di Heidegger non era quella di contrapporre al In connessione alla vecchia critica di irrazionalismo, Beaufret form
la natura del rapporto tra coscienza ed essere, la possibilità della comunicazione tra gli uomini a partire dall'essere, il modo in cui ridare senso alla parola "umanismo".
Nota al testo
Vi è una primissima nota al testo, in cui Heidegger invita il lettore a considerare che quel che si dice nella La semplicità del dire richiede un altro linguaggio, non quello della metafisica, che d'altra parte aveva determi Data, però, l'impossibilità di prescindere del tutto dal linguaggio della metafisica, la Lettera è, per così dire, un
L'essenza dell'agire
15/11/2011 13:11
M. Heidegger, la lettera sull'umanismo: l'etica originaria, Giuseppe Cac...
2 di 3
http://www.federica.unina.it/lettere-e-filosofia/filosofia-e-storia-delle-...
L'incipit è costituito da un'affermazione negativa che immediatame L'essenza dell'agire, come un fare che compie e non come un prod Si tratta di un rapporto di senso che è al di qua della distinzione tra
La Cura e l'etica originaria
Sin dalle prime battute, diventa chiaro lo statuto ontologico di quel Il concetto a partire dal quale diviene possibile rinvenire le ragioni Quella che in Essere e tempo appariva come la cifra dell'essere del
Edmund Husserl e Martin Heidegger a Friburgo. Imamgine da: Filosofia e storia
"Il davanti a che" d
Nel §40 di Essere e tem Paura: il suo "davanti a Angoscia: il suo "davan
Dalla differenziazione d Nel "davanti a che" dell Nel "davanti a che" dell
Dedica autografa di M. Heidegger sulla "Davanti a che" e " copia personale di E. Husserl di “Sein und Zeit” (1926). Immagine da: Boston L'angoscia è sia University Un davanti e un Nell'angoscia, l'Esserci v Il davanti al nulla si trasforma nel per il nulla, nel momento in cui l'Esserci viene gettato nel suo autentico-pot La paura quindi è un'angoscia deietta nel mondo, inautentica e dissimulata. L'angoscia rivela all'Esserci l'autenticità [Eigentlichkeit] e l'inautenticità [Un-eigentlichkeit] come possibilità
L'originarietà della Cura
La Cura è l'essere dell'Esserci, ciò che rappresenta la sua unità e totalità. La Cura si situa non solo prima della paura, ma prima di ogni comportamento e di ogni situazione dell'Esserci. Perciò la Cura non può introdurre il primato del comportamento pratico rispetto a quello teoretico. Al punto c
La Favola della Cura
La favola della Cura del poeta Igino, prima di arrivare a Heidegger, passa per Herder, poi per Goethe e infine I personaggi della favola sono quattro: Cura, Giove, Terra e Saturno. Cura trova del fango e gli dà una forma. Giove gli infonde lo spirito. Entrambi vogliono dare il proprio nome al fango dotato di forma e di spirito. Ad un certo momento interviene la Terra, anch'essa rivendicando il diritto di dare il proprio nome a ciò che è I disputanti (Cura, Giove e Terra) eleggono Saturno a giudice che così sentenzia: «Tu, Giove, che hai dato lo s
Il senso della favola e il doppio significato di Cura L'uomo, finché è nel mondo, non è abbandonato dalla sua origine (la Cura), che è anche la sua forma. Il nome (homo) gli è dato non in vista del suo essere, ma in base a ciò di cui consiste (humus). La decisione sul suo essere spetta al tempo (Saturno). Burdach mostra il doppio significato del termine Cura: pena angosciosa,
15/11/2011 13:11
M. Heidegger, la lettera sull'umanismo: l'etica originaria, Giuseppe Cac...
3 di 3
http://www.federica.unina.it/lettere-e-filosofia/filosofia-e-storia-delle-...
premura, devozione.
Questi due significati del termine vengono da Heidegger ricondotti alla duplicità della struttura dell'Esserci co Il prendersi cura degli utilizzabili e l'aver cura degli enti affini (gli altri uomini), come manifestazioni della deie...
Contenuti correlati