Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Diritto romano - il processo formulare

Appunti diDiritto romano sulprocesso formulare con trattazione dei seguenti argomenti: la legis actiones, la cognitio extra ordinem, l'imperio continentia, i certa verba, la formula e le partes formularum, l'intentio, la demonstratio, la condemnatio,

... Espandi » i tipi delle azioni formulari. « Comprimi
  • Per l'esame di Diritto romano del Prof. A. Sicari
  • Università: Bari - Uniba
  • CdL: Corso di laurea in Giurisprudenza
  • SSD:
Compra 2.99 €

Voto: 5 verificato da Skuola.net

  • 3
  • 21-01-2013
di 16 pagine totali
 
+ - 1:1 []
 
< >
Diritto romano - il processo formulare
Scrivi la tua recensione »

Recensioni di chi ha scaricato il contenuto

Anteprima Testo:
IL PROCESSO FORMULARE. La funzione essenziale del PROCESSO è rappresentata dall’accertamento della violazione del diritto e dalla determinazione della sanzione da applicare. Nella storia del processo romano si possono identificare 3 sistemi processuali: 1- il processo delle LEGIS ACTIONES , rimasto vitale sino agli inizi del II sec. A.C., per decadere rapidamente gli ultimi due secoli della repubblica; 2- il PROCESSO FORMULARE sorto nel IV sec. A.C., nella iurisdictio peregrina e divenuto poi l processo civile ordinario a Roma nel 17 A.C., con la Lex IULIA IUDICIORUM PRIVATORUM e conservatosi in Roma fino alla metà del III sec.D.C. e formalmente abolito nel 343 D.C. e infine; 3- la COGNITIO EXTRA ORDINEM strettamente legata ai poteri dell’imperatore, prevalsa sul processo formulare e divenuta il processo ordinario nel corso del III sec D.C. Le Legis Actiones persero ogni residua validità, e nel 17 A.C. esse furono definitivamente abolite dalla Lex Iulia Iudiciorum Privatorum, che fece ... Espandi »del processo formulare il processo ordinario per le controversie private riguardanti fattispecie tutelate dal ius civile. La Lex Iulia fissò i requisiti perché il processo formulare fosse un Iudicium Legitimum, ed avesse così effetti civili: era necessario: • • • che il processo si svolgesse in Roma; fra cittadini Romani; e fosse giudicato da un Iudex Unus, privato cittadino romano anch’egli. Tutti gli altri processi erano IMPERIO CONTINENTIA, processi che si fondavano sull’Imperium del magistrato. Nelle Legis Actiones sono richiesti i CERTA VERBA, i formulari delle Legis Actiones , attraverso i quali le parti assumevano reciprocamente posizione sull’oggetto della controversia. Essi erano connotati da una rigorosissima rigidità formale. Nel PROCESSO PER FORMULAS non si litiga più per Certa Verba ma per CONCEPTA VERBA, le parole della formula devono essere adottate caso x caso con riguardo alla singola controversia. Nelle Legis Actiones ci sono 5 schemi: 3 azioni di cognizione e 2 di esecuzione, ed in queste devono rientrare tutte le fattispecie possibili e regolate con regolate con estrema rigidità dei formulari. Nel Processo Per Formulas c’è un solo schema adattabile quasi ad ogni situazione concreta, tale schema corrisponde alla struttura della FORMULA. LA FORMULA E LE PARTES FORMULARUM: La FORMULA è il momento centrale del processo a cui dà il nome. Essa ha la funzione di indicare al giudice privato i criteri in base ai quali deve procedere alla soluzione della controv « Comprimi
Contenuti correlati