Mito 2715 punti

La custodia cautelare in una democrazia liberale?

L'articolo 274 del codice penale tratta delle condizioni per le quali può scattare la custodia cautelare: per inderogabili esigenze di indagine quando c'è il pericolo d'inquinamento delle prove; quando l'imputato è fuggito o vi è il rischio che fugga, ma solo nel caso in cui il reato contestato preveda una pena superiore ai due anni; quando sussista il concreto pericolo di reiterazione del reato.
Queste tre situazioni sono oggi motivo di aperte discussioni soprattutto dopo la recente morte suicida del sindaco di Roccaraso Camillo Valentini.
Di cosa si discute? Della validità e giustizia della legge che forse non è poi così garante di giustizia.
Dal Messaggero del 19/08/2004 emergono tesi contrastanti di molti uomini politici; ma dati gli ultimi anni forse l'articolo 274 andrebbe ulteriormente puntualizzato. Vincenzo Fragalà, componente della commissione di Giustizia e deputato di Alleanza Nazionale, è di questo parere.
E il suicidio del sindaco e quello, appena un anno fa, della direttrice del carcere sono dati a favore.
Ciò nonostante bisogna ricordare che tale legge offre, comunque, un'ampia garanzia perché il grado di giudizio è doppio. In Italia c'è il procuratore che propone la custodia cautelare dopo mesi di indagini e di prove concrete scovate forse anche da pool di PM. Poi tutto passa nelle mani del gip, che valuta tutti gli elementi forniti e decide se la custodia cautelare possa rendersi effettiva; questo chiarisce la legge che in tal modo assolve i magistrati dall'accusa di volontà persecutoria. L'articolo 274 è un documento importante di garanzia di obiettività; ciò però a molti non basta e si ritiene di dover agire con forme cautelari anche contro pm e gip se necesario, basti ricordare il già citato caso Valentini, in cui è stata inoltrata la richiesta di aprire un'inchiesta su comportamenti e condotte del pm e gip al Consiglio Superiore della Magistratura.
Non si sa se in finale la legge sarà effettivamente rivista, dopotutto l'ultima riforma della custodia cautelare fu votata nel 1995 dal centrosinistra ed i risultati non sono stati dei migliori..."la magistratura deve apparire al di sopra delle parti, al di sopra di ogni sospetto di volontà persecutoria". Rimane un dato di fatto, "a dieci anni da Mani pulite" la politica non si è ancora lavata dalle accuse di corruzione nella pubblica amministrazione" (Mario Papa, presidente dell'Aiga)

Registrati via email