Il caso della Cecoslovacchia: qui il governo di coalizione guidati dal comunista Gottwald ai primi del '48: entri in crisi dj fronte all'offerta americana, aiuti piano Marshall.
Nella possibilità che si formasse un nuovo governo senza i comunisti (che non avevano la maggioranza) questi minacciarono una guerra civile e con strinsero il presidente della Repubblica Benés (+1948) ad accettare loro condizioni.

Marzo 1948: Masaryk (+1948) ministro degli esteri (unico non comunista del nuovo governi) mori cadendo dalla finestra in circostanze misteriose (defenestrazione).

Maggio:'elezioni, lista unica, potere ai comunisti.
Piuttosto che firmar la nuova costituzione che trasformava il paese in dittatura Benés si dimise.

Le democrazie popolari: così Stalin cerco di fare apparite i governi dei paesi satellite. Ai cittadini sui furono negati i più elementari diritti di libertà, nessuna forma di opposizione che sopravvisse: chiesa cattolica talvolta raccolta attorno ad alcune personalità di spicco del clero.

La Jugoslavia: qui le forze nazionali avevano liberato il paese dai tedeschi insieme a Tito che aveva assunto la guida del govèrni.
Provenire dalle fila del partito comunista e tale si dichiarava ma non per questo Tito doveva supinamente accettare gli ordini di Mosca.

Primi mesi del '48: i russi chiesero a Tito il controllo dell'esercito e della polizia segreta, rifiutò.

Giugno '48: il partito comunista jugoslavo espulso dal Cominform . Jugoslavia diveniva stato non allineato con Mosca ed era di esempio perché Tito mostrava che anche tra i comunisti esistevano uomini capaci di dire di no a Stalin.

Epurazioni e processi nei paesi satelliti:
Rabbia di Stalin utilizzo questi metodi perché gli altri stati satellite non prendessero esempio da Tito. Molti personaggi di spicco dei partiti comunisti.

5 marzo 1953, morte di Stalin.
Non significo dissoluzione del suo sistema di potere. Rimase il potere su paesi stati satelliti e sull'esempio della nato. Essi furono integrati in un'alleanza militare guidata dall'Unione sovietica con il cosiddetto Patto di Varsavia.

Registrati via email