blakman di blakman
VIP 9176 punti

Nigrinus - par. 15 - 16 : Descrizione di una città corrotta

par. 15

ὅστις δὲ πλούτου ἐρᾷ καὶ χρυσῷ κεκήληται καὶ πορφύρᾳ καὶ δυναστείᾳ μετρεῖ τὸ εὔδαιμον, ἄγευστος μὲν ἐλευθερίας, ἀπείρατος δὲ παρρησίας, ἀθέατος δὲ ἀληθείας, κολακεία τὰ πάντα καὶ δουλείᾳ σύντροφος, ἢ ὅστις ἡδονῇ πᾶσαν τὴν ψυχὴν ἐπιτρέψας ταύτῃ μόνῃ 'λατρεύειν διέγνωκε, φίλος μὲν περιέργων τραπεζῶν, φίλος δὲ πότων καὶ ἀφροδισίων, ἀνάπλεως γοητείας καὶ ἀπάτης καὶ ψευδολογίας, ἢ ὅστις ἀκούων τέρπεται κρουμάτων τε καὶ τερετισμάτων καὶ διεφθορότων ᾀσμάτων, τοῖς δὴ τοιούτοις πρέπειν τὴν ἐνταῦθα διατριβήν.

Chiunque ama la ricchezza ed è ammaliato dall'oro e misura la felicità dalla porpora e dal potere, chi non ha mai gustato la libertà nè ha sperimentato la franchezza nè ha visto la verità, chi è stato nutrito sempre nell'adulazione e nella schiavitù o affidando interamente l'anima al piacere ha deliberato di servire soltanto a questo ed è amico delle mense lussuose, amico delle bevande e dei piaceri materiali,pieno di impostura e di inganno e di menzogna,ovvero chi si diletta di sentir pizzicare le corde degli strumenti musicali e di ascoltare le melodie e le cantilene corrotte: a costoro si conviene la dimora in questa città.

[newpage]par. 16

μεσταὶ γὰρ αὐτοῖς τῶν φιλτάτων πᾶσαι μὲν ἀγυιαί, πᾶσαι δὲ ἀγοραί: πάρεστι δὲ πάσαις πύλαις τὴν ἡδονὴν καταδέχεσθαι, τοῦτο μὲν δι᾽ ὀφθαλμῶν, τοῦτο δὲ δι᾽ ὤτων τε καὶ ῥινῶν, τοῦτο δὲ καὶ διὰ λαιμοῦ καὶ δι᾽ ἀφροδισίων ὑφ᾽ ἧς δὴ ῥεούσης ἀενάῳ τε καὶ θολερῷ ῥεύματι πᾶσαι μὲν ἀνευρύνονται ὁδοί: συνεισέρχεται γὰρ μοιχεία καὶ φιλαργυρία καὶ ἐπιορκία καὶ τὸ τοιοῦτο φῦλον τῶν ἡδονῶν, παρασύρεται δὲ τῆς ψυχῆς ὑποκλυζομένης πάντοθεν αἰδὼς καὶ ἀρετὴ καὶ δικαιοσύνη: τῶν δὲ ἔρημος ὁ χῶρος γενόμενος δίψης ἀεὶ πιμπράμενος ἀνθεῖ πολλαῖς τε καὶ ἀγρίαις ἐπιθυμίαις. τοιαύτην ἀπέφαινε τὴν πόλιν καὶ τοσούτων διδάσκαλον ἀγαθῶν.

Infatti delle cose a costoro piu care sono piene tutte le vie, piene le piazze: presso tutte le porte è possibile godere il piacere sia per mezzo degli occhi, sia con le orecchie e con le narici, sia anche con la gola e con il ventre. E dilagando il piacere con corso perenne e torbido,ne sono invase tutte le strade: vi convengono infatti insieme l'adulterio e l'avidità del lucro e lo spergiuro e la consimile schiera dei piaceri: e mentre l'anima rimane da ogni parte sommersa,vengono trascinati via il pudore e la virtù e la giustizia:e il luogo privo di questi beni, e sempre assetato, fiorisce di molte selvagge passioni. Tale l'amico diceva essere la città e maestra di sì grandi beni.

Hai bisogno di aiuto in Luciano?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email