Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

RAPPORTO TRA MENTE E SISTEMA NERVOSO

Rapporti tra attività psichica e sistema nervoso

La concezione secondo cui l’attività psichica ha come corrispettivo l’attività cerebrale è abbastanza recente

nella storia dell’uomo. Noi diamo per scontato che le nostre attività psichiche, cioè tutto quello che pensiamo,

proviamo, amiamo, odiamo, etc. abbiano come base il nostro cervello ma in realtà è un concetto che si è

affermato molto recentemente. Ancora solo 5 secoli fa, quindi nel XVI secolo, Cisalpino affermava che il

motore della vita mentale era il cuore, erano pochi gli studiosi classici che pensavano che il cervello fosse il

fulcro della vita mentale.

Il pensiero cominciò a cambiare grazie a Cartesio, che rappresento un vero e proprio punto di svolta, il quale

vedeva il corpo che definisce res extensa, come una macchina, una sorta di robot idraulico il cui

funzionamento era regolato da una serie di azioni riflesse a livello del sistema nervoso, separato da una

sostanza pensante res cogitans che era l’anima. Con Cartesio si iniziano a vedere le cose in modo molto

moderno anche se sono in molti a non essere d’accordo con il suo pensiero, molti pensavano che ci fosse

una sola entità, la materia e quindi il corpo, altri invece pensavano che ci fosse solamente l’anima.

All’epoca però le conoscenze del sistema nervoso non erano ancora sufficienti per poter andare oltre a una

semplice affermazione di principio, lo stesso Cartesio non era in grado di dire in che modo il sistema nervoso

regoli il funzionamento della res extensa, ne era in grado di dire quali rapporti ci sono fra anima e sistema

nervoso.

Cartesio inoltre poneva la sede dell’anima nell’epifisi (o ghiandola pineale), una ghiandola al centro del

cervello.

Nervi sensoriali e motori

Un passo avanti lo si fece nel 1751 con Whytt, che dimostrò con degli esperimenti sulle rane, che

asportando il cervello ne rimanevano comunque i movimenti riflessi, i quali cessavano con l’asportazione del

midollo spinale. Scoprì cosi che le attività riflesse hanno una sede nel sistema nervoso al di sotto del

cervello.

Si parlava di arco riflesso il quale è costituito da un ramo afferente, che porta l’impulso nervoso dalla

periferia del corpo al centro dell’organismo, e da un ramo efferente , che va dal centro alla periferia

dell’organismo. L’arco riflesso non richiede l’intervento del cervello per poter funzionare, rimane tutto a livello

periferico (In pratica è ciò che succede quando il medico misura i nostri riflessi con il martelletto sul

ginocchio). Scoperte di questo genere equivalgono a dire che una regolazione corporea con questi riflessi ha

poco a che fare con l’attività psichica.

La legge di Belle e Magendie

Nel 1811 Belle e nel 1822 Magandie scoprirono indipendentemente l’uno dall’altro che nei nervi periferici le

vie sensoriali sono indipendenti da quelle motorie. Fino ad allora il sistema nervoso era visto come una

grande rete che poteva fare tutto, con la legge di Belle e Magendie si scoprì che molti nervi periferici

originano dal midollo spinale con due radici, una anteriore e una posteriore che si unificano in un tronco

unico.

Con questa legge si affermava per la prima volta l’esistenza di un’attività differenziata del sistema nervoso,

infatti se si recide la radice anteriore si perde la capacità di movimento mentre la sensibilità rimante intatta,

se invece si recide la radice posteriore, si conserva la capacità motoria perdendo la sensibilità.

Si ponevano cosi le premesse per affermare una serie di funzioni specifiche dell’attività neurofisiologica.

Gall e la Frenologia

La Frenologia è la scienza della corrispondenza tra funzioni cerebrali e attività mentali.

Gall è una figura curiosa nel mondo della scienza, è stato demonizzato per molto tempo, ma solo negli ultimi

30/40 anni è stato rivalutato; aveva delle idee curiose dal punto di vista filosofico.

Gall proponeva una psicologia delle facoltà con cui sosteneva una divisione funzionale della mente sulla

base delle attività psichiche svolte.

C’è chi, al contrario di Gall, sostiene che nella mente ci sono delle funzioni come la memoria, la percezione,

etc. che servono per tutta l’attività psichica. C’è chi sostiene che invece delle funzioni contino di più le

facoltà che sono viste come separate le une dalle altre.


ACQUISTATO

3 volte

PAGINE

2

PESO

18.14 KB

AUTORE

Nigy

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in discipline psicosociali
SSD:
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Nigy di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Origini e storia della psicologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Uninettuno - Uninettuno o del prof Luccio Riccardo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Origini e storia della psicologia

Origini e storia della psicologia, Esercitazione
Esercitazione
Wundt e il Laboratorio a Lipsia
Appunto
Donders e la cronometria mentale
Appunto
Origini e storia della psicologia
Appunto