Che materia stai cercando?

Progetto Basi di Dati

Appunti di basi di dati e sistemi informativi su un progetto di basi di dati basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof.ssa Diamantini dell’università Politecnico delle Marche - Univpm, Facoltà di Ingegneria. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Basi di dati e sistemi informativi docente Prof. C. Diamantini

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

l'autoveicolo al reparto o ai reparti competenti, nel caso in cui il problema sia di

differenti tipi, e in base agli impegni dei tecnici fa una stima del tempo

necessario. Poi il cliente passa nel mio ufficio e io prendo nota dei suoi dati, dei

dati dell'auto e del problema. Nel caso in cui la riparazione da fare sia già ben

definita, viene fatto un preventivo e si parte con l'ordine, altrimenti si aspetta la

valutazione del tecnico che prende in consegna l'auto. Viene poi effettuata la

riparazione e infine restituita la macchina al cliente.”

“Per quanto riguarda il cliente, quali sono le informazioni di cui lei prende

• nota?”

“Al cliente richiedo essenzialmente i suoi dati anagrafici: nome, cognome o

nome dell'azienda, codice fiscale o partita iva, data di nascita, indirizzo,

recapito telefonico, indirizzo email e tipo di pagamento.

Poi per quanto riguarda l'auto prendo nota di tutti i dati riportati sul libretto di

circolazione: marca e modello, targa, anno di immatricolazione, numero telaio,

numero motore, chilometri attuali.

Naturalmente viene inserita anche una breve descrizione del problema

riscontrato.”

“Quali sono le informazioni fondamentali per la ricerca di un ricambio?”

• “Sicuramente la targa, il numero di telaio e il codice motore, perché da queste è

possibile desumere altri dati come marca, modello e anno di immatricolazione

del veicolo. Il più importante di tutti è sicuramente il numero di telaio che può

essere visto come il vero e proprio identificatore dell'auto.”

1.1.2 Secondo contatto

Ci siamo recati una seconda volta all'officina nel giorno 17/10/2014 per parlare

nuovamente con il ragioniere.

Questa volta la nostra intenzione era quella di avere informazioni sui fornitori e sulla

gestione dei pezzi di ricambio.

Riportiamo le domande e le risposte più importanti ai fini del nostro progetto:

“Come funziona il rapporto tra fornitori e officina?”

• “I fornitori si trovano tutti in zona e vengono contattati telefonicamente per

conoscere la disponibilità e il prezzo dei ricambi. Il ritiro del pezzo viene

effettuato direttamente da uno dei tecnici.

Nel caso di non disponibilità, il ricambio viene ordinato con tempi di attesa che

variano da un paio di giorni a una settimana.”

“Cosa succede se il ricambio non è disponibile e si avvicina la data di

• consegna?”

“Come prima cosa si modifica il calendario impegni del tecnico in base al

tempo previsto per l'arrivo del ricambio e poi si avvisa il cliente della modifica

effettuata.”

“E nel caso di necessità di ricambi o interventi non previsti?”

• “In quel caso viene ricontattato il fornitore per sapere la disponibilità e il

prezzo dei ricambi, viene modificata la data di consegna in base agli impegni

del tecnico, viene rifatto il preventivo e si avvisa il cliente.”

“Avete un magazzino scorte?”

• “In realtà abbiamo piccolissime scorte di ricambi universali come ad esempio

olio, lampadine, gomme di varie misure e altro materiale elettrico e meccanico

come fusibili, lampadine o guarnizioni.

Il fatto è che i pezzi variano molto da un modello di veicolo all'altro e anche in

un unico modello ci sono differenze se l'anno di immatricolazione è diverso.

Sarebbe quindi inutile e poco produttivo avere un magazzino molto fornito.”

“Quindi non avete bisogno di gestire elettronicamente il magazzino?”

• “No, proprio perché il magazzino è minimo.”

“Avete contratti con i fornitori?”

• “No, sempre per il fatto che non vengono acquistati prodotti a stock, ma su

necessità.”

“Fornite contratti di assistenza ai clienti?”

• “No, perché per una realtà come la nostra sarebbe di difficile realizzazione data

l'impossibilità di prevedere la frequenza di rottura dell'auto. Inoltre i controlli

periodici, come revisioni o tagliandi, sono molto diluiti nel tempo: il tagliando è

annuale e la revisione va fatta ogni due anni, quindi sarebbe anche difficile

definire un contratto di assistenza conveniente sia per l'azienda che per il

cliente.”

“Siete interessati a statistiche, ad esempio sulla frequenza di un certo tipo di

• problema su un certo veicolo?”

“Non tanto sul problema, ma quanto sui ricambi più acquistati: sapendo la

frequenza di acquisto di un certo prodotto sarà più facile ottenere sconti dal

fornitore poiché possiamo dargli una certezza sull'acquisto di un certo numero

di articoli di quel tipo.”

“Quindi avete bisogno di mantenere i vostri dati per un certo periodo?”

• “Sì, manteniamo i nostri dati per almeno tre anni prima del backup e della

cancellazione. Questo appunto per poter fare alcune statistiche sui ricambi.

Anche dopo il backup teniamo memorizzati comunque i dati sui clienti più

abituali così da velocizzare la procedura di registrazione all'arrivo del cliente

stesso.”

1.2 ANALISI DEI PROCESSI INTERNI

La realtà presa in considerazione è quella di un'officina comprensiva di tre

• reparti: Meccanico

◦ Elettrauto

◦ Gommista

L'elettrauto comprende anche l'installazione di impianti metano e GPL.

Inoltre è presente un reparto “Generale” composto dal solo tecnico generale.

Ogni reparto ha uno specialista in quell'ambito che si occupa delle riparazioni.

• Tutti i reparti e i loro specialisti vengono gestiti dal tecnico generale.

Il tecnico generale si occupa anche dell'installazione di impianti metano e GPL.

Importante nella gestione delle riparazioni è la gestione del calendario degli

• impegni dei singoli tecnici. Tale operazione è effettuata del tecnico generale che

valuta il tempo necessario all'intervento in base alla gravità dell'intervento stesso.

I passi che vanno dall'arrivo del cliente in officina al ritiro dell'autoveicolo

• possono essere riassunti nei punti seguenti:

1. Il cliente arriva in officina presentando il suo problema al tecnico

generale;

2. Il tecnico generale svolge una prima valutazione del problema e

individua il reparto a cui affidare l'autoveicolo (il problema può

riguardare anche più reparti);

3. Il tecnico generale, in base agli impegni del tecnico di reparto, decide

una possibile data di restituzione dell'autoveicolo;

4. Il ragioniere prende nota dell'anagrafica del cliente, dell'autoveicolo e

del tipo di problema da risolvere;

5. Viene fatto un preventivo e si attende la valutazione del tecnico di

reparto prima di fare l'ordine: tale valutazione può portare alla modifica

del preventivo a causa di ulteriori danni rilevati o diverso tipo di

riparazione da effettuare rispetto a quella prevista;

6. Viene eseguita la riparazione con possibile necessità di altri ricambi e

possibili ritardi nella consegna dovuti a nuovi problemi insorti durante il

lavoro o non disponibilità dei pezzi necessari;

7. L'autoveicolo viene riconsegnato al cliente, viene emessa una

ricevuta/fattura e si prende nota del tipo di pagamento

(contanti/assegno).

L'officina non dispone di grandi scorte di magazzino data la grande differenza

• fra i ricambi di ogni autoveicolo. Viene conservata una piccola scorta di ricambi

universali (olio, lampadine, fusibili, pneumatici di diverse dimensioni, materiale

vario elettrico).

Date le piccole dimensioni del magazzino non è necessaria una gestione

elettronica delle scorte.

I fornitori sono pochi e si trovano tutti nelle vicinanze. I pezzi vengono ordinati

• telefonicamente e, nel caso di disponibilità immediata, vengono ritirati

personalmente da uno dei tecnici. I tempi di attesa per pezzi non disponibili

variano da qualche giorno ad una settimana.

Non vengono stipulati contratti di vendita con i fornitori dato che difficilmente

vengono ordinati grandi quantità di un particolare ricambio: ogni pezzo viene

ordinato su bisogno immediato.

Non vengono stipulati contratti di assistenza con il cliente data l'impossibilità di

• previsione della frequenza degli interventi sull'autoveicolo e il grande lasso di

tempo che intercorre tra una revisione e l'altra (da uno a cinque anni).

L'officina utilizza già un software gestionale (Officina CS) molto dettagliato e

• con svariate possibilità di utilizzo.

Viene data importanza alla statistica sui ricambi maggiormente acquistati per

• ottenere sconti sui prezzi del fornitore. I dati vengono quindi mantenuti almeno

per tre anni prima del backup o della cancellazione.

I dati riguardanti clienti abituali vengono comunque mantenuti per velocizzare

l'inserimento delle informazioni all'arrivo in officina.

1.3 REQUISITI ESPRESSI IN LINGUAGGIO

NATURALE

Dopo aver analizzato attentamente le informazioni raccolte e aver compreso quelle

che sono le dinamiche interne all'azienda considerata, abbiamo stilato gli obiettivi che

la nostra base di dati deve raggiungere.

Il nostro scopo è quello di creare un database che raccolga e organizzi i dati di

un'officina comprensiva di meccanico, elettrauto e gommista, focalizzandoci

sulla gestione delle informazioni riguardanti clienti e veicolo e

sull'organizzazione del calendario delle riparazioni affidate ai vari tecnici.

Sottolineiamo il fatto che tutto ciò che riguarda gli impianti metano e GPL viene

inserito nell'ambito “Elettrauto” e che perciò non sarà necessario un diverso tipo di

gestione per tali dati.

Verrà considerato anche un eventuale quarto reparto (“Generale”) costituito dal solo

tecnico generale.

La nostra base di dati avrà all'incirca una durata di tre anni, oltre la quale sarà

necessaria una revisione della stessa.

Verranno quindi memorizzati e gestiti i dati relativi ai clienti, ai veicoli, ai preventivi,

alle riparazioni, ai tecnici e alle ricevute/fatture.

Per quanto riguarda il cliente, si seguirà la stessa procedura di memorizzazione sia

per i privati che per le aziende: si vorrà sapere il loro nome, cognome (solo per i

privati), indirizzo, codice fiscale (solo per i privati), partita iva (solo per le aziende),

recapito telefonico e email.

Per quanto riguarda il veicolo, si memorizzeranno i dati riguardanti marca, modello,

targa, numero di telaio, codice motore, data di immatricolazione e chilometri attuali.

Inoltre si terrà traccia dei dati riguardanti la proprietà del veicolo: il cliente

proprietario e la durata della proprietà.

Relativamente al preventivo, si vorrà sapere il problema riscontrato nel veicolo, le

riparazioni da effettuare, i ricambi necessari, l'importo totale, la data di creazione del

preventivo stesso e la data di riconsegna prevista del veicolo.

Per la riparazione, sarà necessario memorizzare la data di inizio e fine della

riparazione stessa. Inoltre, al fine di creare e gestire un calendario degli impegni dei

tecnici, verranno inserite l'ora e la data di inizio e fine di ciascuna operazione

presente in ogni riparazione oltre ai dettagli riguardanti la disponibilità di ricambi.

Volendo poi svolgere una statistica sui tempi di svolgimento di ciascuna operazione


PAGINE

15

PESO

267.52 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in ingegneria informatica e dell'automazione
SSD:
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher sgorbius90 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Basi di dati e sistemi informativi e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Politecnico delle Marche - Univpm o del prof Diamantini Claudia.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Basi di dati e sistemi informativi

Riassunto Basi Dati
Appunto
Riassunto comandi sql
Appunto
Algebra lineare e geometria - spazi vettoriali
Appunto
Riassunto esame Fondamenti di Informatica: Manuale di C/C++, prof. Dragoni
Appunto