Che materia stai cercando?

Marakon: La matrice di redditività

Appunti sulla matrice marakon per l'esame di strategie d'impresa, laurea magistrale. Approfondimento anche sulla marakon modificata, dell'università degli Studi Guido Carli - Luiss, della facoltà di economia, Corso di laurea magistrale in gestione d'impresa. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Strategie d'impresa docente Prof. E. Peruffo

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

-Il costo del capitale proprio (CAPM= tasso di rendimento del capitale proprio) è il tasso di

rendimento minimo che deve essere offerto agli azionisti di un’impresa, al fine di remunerare i

fondi da questi ricevuti.

+ (Rm−Rf )

Ke=Rf β

Rf= rendimento lordo privo di rischio (solitamente approssimato con titoli di stato lungo

.

termine

Rm= rendimento ptf di mercato (approssimabile con il valore di un indice di borsa che

rispecchia la natura dell’attività svolta dall’impresa considerata).

β= coefficienti di rischiosità dell’azienda rispetto alla rischiosità del mercato di riferimento.

'

(rendimenti

Covarianza lordi del titolo del l impresa; rendimenti del portafoglio dimercato)

(rendimenti

Var del portafoglio di mercato)

ROE - Ke

-SPREAD: Ke):

-Linea di demarcazione orizzontale (in corrispondenza del

redditività

Sopra: business in grado di generare (sono redditizi)

 Sotto: Business NON in grado di generare redditività.

Si tratta di Redditività di tipo economico (ROE > Ke) (e non redditività contabile:

ROE>0) .

-Linea di demarcazione verticale (in corrispondenza di G):

A sinistra: business NON in grado di acquisire quota di mercato. g<G

 

A destra: business in grado di acquisire quota di mkt. g> G (tassi crescita business>

 tassi crescita settore).

-Bisettrice: lungo la bisettrice, la redditività del capitale proprio (ROE) è sempre uguale al

valore del tasso di crescita del business (g). (bisettrice= luogo dei punti del piano equidistanti

da una coppia di rette).

Massima crescita sostenibile = tasso di crescita massimo che un’impresa può avere:

Per effetto di fonti di finanziamento interne, (derivanti dal reinvestimento di utili).

 Per effetto di fonti di finanziamento esterne, (derivanti dal capitale di debito).

 Utili reinvestiti

g= Capitale proprio

Moltiplicando num e den per gli utili totali:

Utili reinvestiti Utili totali

g= x

Utili totale Capitale proprio

g=P x ROE P= tasso di ritenzione degli utili

 (% di utili totali reinvestiti in azienda).

Poiché, nella bisettrice, ROE = g P=1.

Questo significa che:

Lungo la bisettrice, sono collocati quei business che non generano alcun effetto sulla

 cassa, poiché tutti gli utili sono reinvestiti all’interno dell’azienda.

Sopra: business che generano un aumento della cassa, solo una parte degli utili vieni

 distribuito in dividendi.

Sotto: business che generano un assorbimento della cassa, poiché il numero di utili

 distribuiti in dividendi è maggiore del numero di utili prodotti.


PAGINE

4

PESO

114.77 KB

AUTORE

18luca

PUBBLICATO

7 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in gestione d'impresa
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher 18luca di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Strategie d'impresa e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Guido Carli - Luiss o del prof Peruffo Enzo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Strategie d'impresa

Teoria istituzionalista
Appunto
Resource Based View
Appunto
La diversificazione
Appunto
Integrazione verticale
Appunto