Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

• Puntando un'icona dopo qualche attimo compare un fumetto esplicativo sulle funzioni dell'oggetto

rappresentato.

Formattazione del Dischetto

• Le memorie di massa, quali dischetto floppy, hard disk, CD-RW, prima di essere usati devono essere

formattati. Ma , cos'è la formattazione?

• I dischi sono dispositivi di memorizzazione ad accesso random, ovvero casuale, cioè le informazioni

contenute vengono ricercate dal dispositivo di lettura/scrittura, magnetico o ottico, direttamente nel

punto in cui stanno al contrario dei nastri magnetici in cui occorre svolgere il nastro fino al punto

giusto.

• Per questo motivo i dischi vengono suddivisi in tracce e settori. In questo modo quando un file viene

registrato, si conosce la traccia e il settore in cui è posizionato e si può, così, cercarlo con precisione e

velocemente. Questa operazione di suddivisione in tracce e settori viene detta formattazione.

• Un disco già usato può essere riformattato, ma in questo modo si perdono tutte le informazioni in esso

contenute.

• Nonostante oggi i floppy disk vengano venduti già formattati, è necessario conoscere questa

operazione per una buona manutenzione dei dischetti e del disco fisso.

• Per formattare il dischetto fare doppio click su Risorse del Computer e quindi click col destro su

Floppy da 3,5 pollici. Dal menu a discesa selezionare Formatta.

• Si apre una finestra di dialogo in cui si può scegliere fra una formattazione veloce, che consiste in

una cancellazione di tutti i file di un dischetto già usato, o completa, necessaria se il dischetto non era

mai stato formattato una prima volta.

La Guida in Linea

• Per assistere l'utente in caso di necessità Windows è stato dotato di una Guida in linea, che può essere

aperta in ogni momento per rivedere le caratteristiche principali del sistema operativo e cercare

soluzioni ai propri problemi.

• Visualizzare la Guida in linea è semplice: basta fare clic sulla voce Guida in linea del menu Start.

• La guida di Windows può essere consultata in tre modi: scorrendo il Sommario, andando a guardare

nell'Indice analitico e usando la funzione Trova.

• Ogni applicazione Windows comprende una guida in linea che ne illustra le principali caratteristiche

ed è in grado di venire in aiuto quando non si sa che cosa fare. Quando si sta lavorando con un

programma il modo più immediato per attivare la guida è premere il tasto F1. Altrimenti si può

selezionare il menu "?" nella finestra dell'applicazione.

Risorse del Computer

• E' la cartella più importante, sempre presente su tutti i computer. Essa contiene le risorse della

macchina sia in termini di memorie di massa (floppy disk, hard disk, CD-ROM) sia in termini di

applicazioni che permettono di impostare o gestire periferiche (stampanti, collegamenti alla linea

telefonica etc.).

• Una volta aperta con un doppio click del mouse (oppure selezionandola con un click e poi premendo

il tasto INVIO), essa mostra il suo contenuto.

• Innanzitutto le icone rappresentanti le tre risorse memorie di massa: CDROM, Floppy Disk e Hard

Disk.

• Queste, pur avendo un'icona diversa da quella delle cartelle, sono cartelle che contengono altre

cartelle o file, cioè oggetti quali applicazioni, documenti o dati. Osserviamo aperte le altre cartelle.

Le memorie di massa hanno un nome fisso (A:, C:, D:) ereditato dal DOS che indica il Driver relativo,

cioè il meccanismo fisico entro cui viene inserito il dischetto o il CDROM.

• Il disco fisso C: ha anche un nome, che viene dato al momento della sua formattazione e che può

essere cambiato dall'utente facendo click col destro del mouse sull'icona e scegliendo Proprietà dal

menu di scelta rapida.

• Quando viene inserito nel driver A: il dischetto oppure nel driver D: il CD-ROM, oltre alle

indicazioni A: e D: nell'etichetta dell'icona compare anche il nome del dischetto e del CD-ROM. Il

nome del dischetto può essere cambiato come per il disco fisso, mentre il nome del CD-ROM

evidentemente no, essendo esso un dispositivo di sola lettura.

• Si può cambiare, invece, l'etichetta di un CD-RW, poiché esso è un dispositivo a lettura/scrittura,

sempre che sia collegato al computer il masterizzatore riscrivibile.

Il Cestino

• Un'altra icona sempre presente sul computer (provate a eliminarla!) è il cestino, dove vanno a finire le

cartelle, i documenti e i file che non ci servono più. E' sufficiente trascinare un file o una cartella sul

cestino per eliminarla.

• In realtà, così facendo, non viene cancellata definitivamente; si può ancora recuperarla aprendo il

cestino con un doppio click del mouse e trascinando la cartella o il file nella cartella dove vogliamo

custodirlo, oppure facendo click col destro e scegliendo Ripristina dal menu di scelta rapida.

• Attenzione, se il cestino viene svuotato (click col destro e poi Svuota Cestino dal menu) i file e le

cartelle contenute saranno definitivamente perdute.

• Un altro modo per eliminare un file o una cartella è selezionarlo con un click del mouse e premendo

poi il tasto CANC, essa viene posta nel cestino da cui può essere recuperata.

Se si vuole eliminarli definitivamente senza passare per il cestino si deve tenere premuto insieme

SHIFT + CANC.

Le altre icone

• Le altre icone presenti sul desktop rappresentano cartelle, file o collegamenti a file o cartelle. Le

cartelle, in genere, hanno un'icona che ricorda la cartella di un classificatore, mentre i file hanno

icone che riportano alla applicazione che li ha prodotti, quindi indicano il tipo di file.

• Talvolta il s.o. non riconosce il file e quindi gli assegna un'icona generica.

E' possibile collegare un tipo di file ad una applicazione in modo che tutti quei file siano aperti con

quell'applicazione facendo doppio click sulla loro icona. Questa procedura sarà esaminata in altro

luogo.

Collegamento ai file e cartelle

• Alcune icone contengono una freccia rivolta verso l'alto. Essa indica che si tratta di un collegamento

ad una cartella o a un file. Talvolta è utile avere sott'occhio a portata di mouse un file che usiamo

spesso; allora è utile fare un collegamento ad esso, cioè avere un riferimento sul desktop, senza

trasferire il file, il quale rimane nella cartella originale…

• Cancellando un riferimento, non si elimina il file, ma solo il riferimento ad esso. In altre parole il

collegamento contiene solo le informazioni necessarie per trovare il file nel disco fisso.

• Per creare un collegamento ad un file o ad una cartella si può agire in due modi: • Trascinare col

destro l'icona nel punto desiderato. Rilasciare: si apre un menu di scelta rapida da cui si sceglie Crea

Collegamento.

• Fare click col destro del mouse e scegliere dal menu di scelta rapida Crea collegamento. Il

collegamento viene creato nella stessa cartella. Se dal menu di scelta rapida si sceglie Invia a e poi

Desktop(Crea collegamento), esso viene creato sul desktop.

Le finestre del desktop

• Che cosa nascondono le icone? In Windows le icone servono a rappresentare documenti e

applicazioni. Per eseguire le applicazioni o per vedere i documenti occorre quindi aprire la finestra

associata all'icona, cioè puntare l'icona con il mouse e fare doppio clic: Windows apre, cioè

attiva, la finestra corrispondente.

• Contemporaneamente all'apertura della finestra, compare un pulsante sulla barra delle applicazioni,

che riporta il nome e l'icona corrispondente alla finestra aperta: in questo modo la barra indica sempre

quante e quali sono le finestre aperte nel desktop, ovvero quante sono le applicazioni e i documenti in

esecuzione sul sistema.

• Tutte le finestre di Windows sono caratterizzate da alcuni elementi comuni, indispensabili per la loro

gestione.

• La barra del titolo riporta l'icona e il nome dell'applicazione attiva e, eventualmente, del documento

visualizzato. L'icona sulla barra del titolo rappresenta l'applicazione a cui la finestra corrisponde.

• Il bordo della finestra racchiude l'area di lavoro della finestra, cioè l'area all'interno della quale sono

visualizzati gli oggetti presenti nella finestra.

• La barra del menu, che si trova sotto la barra del titolo, contiene le voci che permettono di attivare i

menu, cioè l'elenco dei comandi disponibili nella finestra attiva.

• La barra di stato, che si trova sul bordo inferiore, riporta alcune informazioni sul contenuto della

finestra, per esempio, se si tratta della finestra di una cartella o il numero degli oggetti che si trovano

al suo interno.

• I pulsanti di chiusura, riduzione a icona e ingrandimento servono a chiudere la finestra, ridurre la

finestra a icona, visualizzarla a schermo intero.

• Quando un documento o un'applicazione non possono essere visualizzati interamente nella finestra

corrispondente, compaiono le barre di scorrimento, che permettono di far scorrere il contenuto

all'interno della finestra, in senso orizzontale e verticale.

Il multitasking

• Ogni finestra di Windows equivale all'esecuzione di un programma, all'apertura di un documento, alla

consultazione del contenuto di una cartella sul disco del PC.

• È possibile avere più risorse aperte sul desktop, cioè svolgere più attività contemporaneamente, grazie

a una funzionalità del sistema operativo che si chiama multitasking.

• A ogni finestra aperta corrisponde un pulsante sulla barra delle applicazioni che mostra il nome

della finestra, lo stesso riportato sulla barra del titolo. Per attivare una finestra è sufficiente fare clic sul

pulsante corrispondente.

• In questo modo passare da una finestra all'altra (e quindi da un programma all'altro), è facile come

cambiare canale, soprattutto se le finestre sono a tutto schermo.

• È possibile passare da un'applicazione all'altra anche con la tastiera. Bisogna premere il tasto

TAB tenendo premuto il tasto ALT: Windows visualizza una finestra con le icone delle applicazioni

attive, all'interno delle quali è evidenziata l'icona dell'applicazione in primo piano.

• Premendo più volte il tasto TAB e mantenendo premuto il tasto ALT, è possibile scegliere la finestra

da visualizzare in primo piano.


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

8

PESO

35.40 KB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Giurisprudenza
SSD:
Università: Bari - Uniba
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Abilità informatiche per giuristi e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bari - Uniba o del prof Diana Roberto.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Abilità informatiche per giuristi

Abilità informatiche per giuristi - Concetti di base
Appunto
Abilità informatiche per giuristi - Software
Appunto
Abilità informatiche per giuristi - Licenza
Appunto
Abilità informatiche per giuristi - Reti
Appunto