Che materia stai cercando?

12 Locomozione Appunti scolastici Premium

Appunti di Neurofisiologia sulla locomozione basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Maioli dell’università degli Studi di Brescia - Unibs, facoltà di Medicina e chirurgia, Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Neurofisiologia docente Prof. C. Maioli

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

12 – LOCOMOZIONE

Azioni diverse dal punto di vista biomeccanico (es. camminare, nuotare , strisciare...) hanno

tutte le stesse caratteristiche dal punto di vista neurofisiologico: rappresentano tutte un'

unica azione, ossia la locomozione, che permettere di spostarsi da un punto ad un altro dello

spazio.

La locomozione è un movimento ritmico, stereotipato, composto da un insieme di azioni che

si ripetono in modo automatico.

Tutte le forme di locomozione sviluppatesi nel corso dell’evoluzione tra le diverse specie

animali si basano su movimenti alternati, ritmici e automatici del corpo o delle sue appendici.

Tale ritmicità ne fa un’azione ripetitiva e stereotipata che può essere controllata in modo

automatico a un livello relativamente basso all’interno del SNC, senza l’intervento dei centri

superiori. Tuttavia i movimenti locomotori richiedono una modulazione continua per far

fronte alle variazioni delle condizioni dell’ambiente circostante.

12.1 BIOMECCANICA DEL CAMMINO

La locomozione umana consiste in movimenti ciclici e alternati degli arti inferiori durante i

quali ciascun arto viene in contatto con il terreno, sostenendo il peso corporeo per un certo

periodo di tempo, per venire poi portato in avanti.

12.1.1 MOVIMENTI DEGLI ARTI INFERIORI E FASI DEL CICLO DEL

PASSO:

Il ciclo del passo può essere suddiviso in quattro fasi, distinte sulla base

della contrazione dei muscoli coinvolti in questo processo: flessione (F),

prima estensione (E ), seconda estensione (E ) e terza estensione (E ).

1 2 3

Le fasi F e E avvengono quando il piede è sollevato dal suolo (periodo

1

di oscillazione), mentre le fasi E ed E si svolgono quando il piede è a

2 3

terra (periodo di appoggio).

Il periodo di oscillazione ha inizio con la flessione dell’anca, del

ginocchio e della caviglia (F), a circa metà dell’oscillazione il ginocchio e

la caviglia iniziano ad estendersi mentre l’anca continua la sua flessione

(E ); in questo modo il piede si sposta in avanti rispetto al resto del

1

corpo e la gamba si prepara a sostenere il peso ancora prima che il

piede tocchi terra.

All’inizio del periodo di appoggio (E ) il ginocchio e la caviglia si

2

flettono, nonostante i muscoli estensori siano ancora vigorosamente

contratti. L’allungamento dei muscoli estensori del ginocchio e della

caviglia mentre si stanno contraendo è dovuto al trasferimento del peso

corporeo sulla gamba. Il cedimento di questi muscoli a mano a mano

che il peso viene trasferito sulla gamba fa sì che il corpo possa muoversi

in modo scorrevole rispetto al piede ed è essenziale per l’efficienza del

passo.

Nel corso della parte terminale del periodo di appoggio (fase E ) l’anca,

3

il ginocchio e la caviglia si estendono in modo tale da fornire la forza

propulsiva necessaria per far muovere il corpo in avanti.

I movimenti ritmici delle gambe durante il cammino sono causati dalla contrazione di diversi

muscoli, flessori (generalmente durante la fase F) ed estensori (generalmente durante le fasi

E); tuttavia l’andamento temporale e il livello di attività variano tra i diversi muscoli coinvolti.

Occorre tenere presente che non tutti i muscoli dell’arto inferiore agiscono esclusivamente

come flessori o estensori e che la loro azione meccanica può dipendere fortemente dalla

postura dell’arto. Per questa ragione la loro attivazione durante il ciclo del passo non segue

necessariamente lo schema di alternanza ritmica di flessione ed estensione dell’arto.

A questo si aggiunge il fatto che alcuni muscoli sono bi articolari e, esercitando un’azione

meccanica su più di un’articolazione, possono presentare modalità di attivazione più

complesse.

Quindi lo schema motorio del cammino non è semplicemente un susseguirsi di flessioni ed

estensioni articolazioni, ma una complessa sequenza si contrazioni muscolari, ciascuna

programmata e dosata in modo preciso.

12.2 CONTROLLO NERVOSO DELLA LOCOMOZIONE

Sebbene lo schema motorio di base del passo (ritmicità e cinematica del passo) sia generato e

sfrutti essenzialmente circuiti spinali, la capacità di iniziare o di arrestare il cammino, di

variarne la velocità, di cambiarne direzione o di modificarne lo schema per superare un

ostacolo, mantenendo al contempo la stabilità, dipendono dal controllo integrato di diversi

centri superiori.

12.2.1 CIRCUITI SPINALI E GENERAZIONE DELLO SCHEMA DEL PASSO

La ritmicità e l’automaticità della locomozione lasciano supporre l’esistenza di circuiti nervosi

in grado di produrre lo schema di alternanza tra flessori ed estensori indipendentemente da

influenze esterne o comandi volontari. Infatti si è visto che nei quadrupedi, una sezione del

midollo spinale che lo isola quindi dai centri superiori, inizialmente provoca una paralisi

completa degli arti posteriori, ma non ne preclude in modo permanente la possibilità di

compiere movimenti deambulatori: la capacità degli arti posteriori di compiere movimenti di

locomozione è recuperata spontaneamente nel giro di alcune settimane. Ciò significa che il

midollo spinale isolato è in grado di generare scariche ritmiche che vanno a stimolare le

attività reciproche nei motoneuroni che controllano i muscoli flessori ed estensori degli arti

posteriori anche in assenza di un input sensoriale. Si ipotizzò che tali contrazioni fossero

controllate da due sistemi di interneuroni distinti (half-centers) che si inibiscono

reciprocamente fra di loro e che il trasferimento dell’attività da un semi-centro all’altro

dipendesse dall’affaticamento delle connessioni inibitorie.

Gli schemi del cammino generati in preparati spinali deafferentati o immobilizzati sono in

genere molto più semplici di quelli registrati in condizioni normali; solitamente questi

consistono dall’alternarsi dell’attività dei motoneuroni dei muscoli flessori ed estensori.

È chiaro che la rete spinale di generazione degli schemi può produrre diversi tipi di attività

ritmiche che dipendono da diversi fattori, come gli input sopraspinali o sensitivi.

- Central pattern generators:

Un central pattern generator (CPG) è una circuito neuronale all’interno del SNC in grado di

generare uno schema ritmico di attività motoria in assenza di input sensitivi provenienti da

recettori periferici. Sebbene gli schemi motori generati in condizioni sperimentali siano molto

simili a quelli prodotti in vivo, essi subiscono l’influenza delle informazioni sensitive e dei

segnali provenienti da altre regioni del SNC.

L’attività motoria ritmica generata dai CPGs dipende da tre fattori: proprietà cellulari dei

singoli neuroni che compongono la rete, proprietà delle giunzioni sinaptiche tra i neuroni e

caratteristiche delle interconnessioni tra i neuroni. Sostanze ad azione modulatoria, come

amine e peptidi, possono alterare le proprietà delle cellule e delle sinapsi in modo da

permettere la generazione di diversi tipi di schemi motori.

I CPGs più semplici contengono neuroni che scaricano spontaneamente e possono quindi

attivare i motoneuroni responsabili del controllo dei muscoli flessori o estensori; tuttavia

essendo la locomozione un fenomeno episodico questo sistema di generatori endogeni di

potenziali deve essere sottoposto a modulazione.

Il funzionamento dei neuroni dei generatori del pattern (CPG) è basato su due canali:

canali del potassio attivati dal calcio

• canali NMDA ( N-metil-D-aspartato) attivati dal glutammato

In condizioni normali di riposo entrambi i canali sono chiusi. Quando arriva uno stimolo dalla

corteccia viene rilasciato il glutammato che va a legarsi al canale NMDA, determinandone

l'apertura. Il canale NMDA aperto permette l'ingresso di ioni sodio Na+ (che aumentano la

depolarizzazione della membrana) e di ioni calcio Ca2+ (che aumentano la concentrazione di

calcio intracellulare). Il calcio determina a sua volta l'apertura dei canali del potassio,

permettendo così la fuoriuscita del potassio dal neurone (iperpolarizzazione della membrana

che inibisce l’attivazione). L'iperpolarizzazione della membrana permette agli ioni Magnesio

Mg2+ di entrare nel canale NMDA e di ostruirlo. Non è quindi più possibile un flusso in

ingresso di ioni calcio. Nel momento in cui non sono più presenti ioni calcio, il canale potassio

si chiude e la situazione iniziale viene ripristinata.

L'alternanza legata alla disposizione dei neurotrasmettitori e agli stati elettrici della

membrana è permette l’alternanza flessori/estensori.

I generatori del passo si trovano a livello lombare, in particolare almeno uno per arto a livello

di L2-L6, ma ci sono molto probabilmente dei generatori del passo ciclici anche a livello

cervicale per il controllo degli arti superiori.

12.2.2 INTEGRAZIONE SPINALE DEI SEGNALI AFFERENTI

Nonostante il cammino normalmente sia un processo automatico, ciò non implica che sia

anche stereotipato; infatti durante il ciclo del passo segnali provenienti dai recettori

muscolari, cutanei e articolari forniscono al midollo spinale informazioni su come e quanto

l’arto viene caricato interagendo con la superficie di supporto, sull’ampiezza della fase di

oscillazione o su eventuali perturbazioni inattese, quali quelle che si producono camminando

su una superficie accidentata.

Le informazioni sensitive (visive, vestibolari e somatosensoriali) sono utilizzate

costantemente per regolare gli schemi di cammino in risposta a variazioni ambientali e a

condizioni previste o inaspettate.

Una condizione esemplificativa dell’integrazione dei segnali afferenti nello schema del passo

da parte dei circuiti spinali è costituita dalla transizione tra la fase di appoggio e quella di

oscillazione, un momento di potenziale instabilità in quanto il baricentro del corpo viene

trasferito da un arto all’altro. Al fine di mantenere la stabilità è necessario quindi che la fase di


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

9

PESO

858.47 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (6 anni)
SSD:
Università: Brescia - Unibs
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher StefanoConsoli di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Neurofisiologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Brescia - Unibs o del prof Maioli Claudio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Neurofisiologia

17 Controllo movimento
Appunto
Nuclei della base
Appunto
9 Riflessi spinali
Appunto
14 Movimenti oculari
Appunto