Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

Una delle problematiche più diffuse nella storia dell'uomo è sicuramente la violenza sulle donne. Questa vicenda si ripete ormai da millenni ma solo da pochi anni questo tema viene trattato e uno dei motivi per la quale tutto questo accade è dovuto anche dal fatto che l'uomo, come ben sappiamo è violento e la donna che subisce violenza fisica, non denuncia fin dal primo episodio che si manifesta, per paura, quindi la situazione tende a peggiorare se non si prende coraggio a parlarne con qualcuno e a rivolgersi a qualche centro specializzato. Il 25 Novembre ricorre la giornata mondiale contro la violenza sulle donne, il cui simbolo di quest'ultima è una scarpa rossa che rappresenta infatti la donna e il suo sangue versato. Si ricorda soprattutto che purtroppo in italia le donne uccise tra le mura domestiche sono in media una ogni 2-3 giorni. Una domanda che sorge spontanea è del perché tutto questo accade. L'uomo tende sempre ad esercitare il proprio potere sulla donna, imponendole delle regole e privandola di ogni singola cosa: e già da questo si riceve violenza psicologica a tal punto da avere paura di ogni singola azione che si compie per fare in modo che non si manifesti tutta la rabbia dell'uomo contro di essa. Ovviamente al minimo sbaglio, le conseguenze sono ben evidenti. Molto spesso si passa alla violenza fisica, maltrattando la propria donna e a lungo andare, persino a toglierle la vita. La maggior parte degli uomini sono convinti che la propria donna sia un semplice oggetto utile e piacevole e già da questo si può capire che tutto ciò non è amore ma soltanto ossessione. Tutto questo potrebbe essere una reazione dovuta alla gelosia oppure per il semplice fatto che l'uomo si sente superiore e più forte così da ottenere il rispetto attraverso la violenza. Un insegnamento molto importante riguardante questo tema lo porta Lucia Annibali: ai ragazzi consiglia di essere amorevoli e affettuosi verso le proprie compagne e alle ragazze invece, augura di essere libere e soprattutto sé stesse e di non lasciarsi convincere che c'è qualcosa che non vada in loro. Lucia Annibali è un esempio importante perché ha avuto il coraggio di affrontare e superare questa vicenda, sottolineando soprattutto che il vero amore è quello buono, che è indipendenza e libertà e per amare nel modo giusto bisogna prima conoscere sé stessi e poi prendersi tutto il tempo per conoscere l'altro.
Hai bisogno di aiuto in Temi di Italiano Svolti?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email