Ominide 2387 punti

In caso di incendio i requisiti essenziali sono
- La capacità portante di un edificio è garantita per un tempo determinato
- La propagazione deve essere limitata all’interno e alle opere vicine
- Possibilità di soccorso
La reazione al fuoco è il grado di partecipazione al fuoco di un materiale e dipende da:
1. Infiammabilità
2. Velocità di propagazione delle fiamme
3. Gocciolamento
4. Post incandescenza
5. Sviluppo di calore
6. Produzione di fumo
7. Produzione di sostanze nocive
La norma UNI classifica i materiali i 6 classi dove A individua quello incombustibile e F quello non determinato; e classifica da 0 a 3 (elevato) i fumi (s) e il gocciolamento (d). I prodotti A2-s1-d0 vengono istallati sulla vie di esodo.
La resistenza al fuoco (REI) è l’attitudine d una struttura a resistere al fuoco e riguarda:
1. La capacità portante in caso di incendio: la struttura deve conservare le sue funzioni portanti

2. Capacità di compartimentazione in caso di incendio:
- Ermeticità: non fa passare fumi e gas
- Isolamento termico: non fa passare calore
Il valore di resistenza è espresso in minuti in cui mostra il tempo in cui la resistenza è assicurata e sono previste 10 classi standard (15-360) che possono essere determinate in base ai risultati di prove, calcoli o confronti con tabelle. (intonaco e laterizio hanno buona resistenza 120 in 12 cm) Per valori diversi si prende sempre il più basso.
Esistono 5 livelli di prestazione richiesti all’edificio:
1. Nessuno
2. Per evacuazione
3. Per evasione
4. Limitato danneggiamento dell’edificio
5. Mantenimento della totale funzionalità dell’edificio
Ogni compartimento dell’edificio deve essere provvisto di vie di fuga e ogni tipologia edilizia ha sue specifiche richieste e il progetto deve essere approvato dai vigili del fuoco.

Hai bisogno di aiuto in Tecnica delle costruzioni?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email