Ominide 548 punti

Le caldaie


La caldaia è l’apparecchiatura che genera calore necessario all’impianto di riscaldamento e spesso anche alla produzione di Acqua Calda Sanitaria (ACS). La caldaia può utilizzare diversi combustibili fossili (meano, gasolio, GPL) oppure biomasse (legno, pellet). Può essere di varie dimensioni e quindi anche essere appesa o appoggiata sul pavimento. Essa è composta da:
Bruciatore (aria + combustibile = alimentazione della camera di combustione); Camera di combustione (detta anche focolare, vengono prodotti i gas caldi che riscaldano poi l’acqua all’impianto); Involucro di materiale isolante protetto da una lamiera (mantello). L’energia che viene trasferita al fluido termovettore per una parte viene dispersa, in questi modi:
Al mantello (sia a bruciatore acceso che spento); Al camino (dovute ai fumi che fuoriescono con le temperature molto alti); Per lavaggio (causate dal lavaggio della camera di combustione); Per surriscaldamento (quando alcuni elementi si surriscaldano prima e dopo la camera). La dimensione della caldaia è determinata da due fattori: la potenza focolare (cioè esprime la potenza “teorica” della caldaia); la potenza utile (cioè la potenza vera della caldaia). Più grande è il rendimento, meno è lo spreco di energia. Varia da molte cose il rendimento, se è più pulita, ben messa e con pochi anni il rendimento è maggiore.

Hai bisogno di aiuto in Tecnica delle costruzioni?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email