Genius 13137 punti

Istruzione

In età moderna l’istruzione era diffusa tra le classi sociali superiori: nobili e borghesi, oltre ad alcuni benestanti, facevano studiare i figli nelle scuole religiose o assumevano precettori con il compito di fornire un’istruzione di base, per cui all'interno di queste classi tutti sapevano leggere. Per esercitare alcune professioni, come quelle di medico o avvocato, e per poter ottenere cariche pubbliche di una certa importanza, era richiesta una preparazione più complessa: perciò alcuni membri delle famiglie nobili e dell’alta borghesia frequentavano le università, molte delle quali erano di origine medievale, e le accademie militari.

Moltissime famiglie invece non erano in grado di sostenere le spese necessarie per l’istruzione dei figli, per cui l’analfabetismo era ampiamente diffuso tra contadini e lavoratori salariati.

All’interno dell’Europa vi erano grandi differenze tra le diverse regioni: nei Paesi protestanti la diffusione dell’istruzione era maggiore, perché imparare a leggere era considerato necessario per poter conoscere direttamente la parola di Dio contenuta nella Bibbia; invece nei Paesi cattolici il livello di istruzione rimase sempre basso, tanto che nel 1789 in Francia, nonostante l’istruzione fosse più diffusa rispetto ad altri Paesi cattolici, solo la metà dei maschi adulti era in grado di scrivere il proprio nome. Ancora più arretrate erano le regioni dell’Europa orientale, dell’Impero Ottomano e di quello russo.

[img]http://http://fifthavenue.altervista.org/wp-content/uploads/2011/02/scuola_04.jpg[/img] scolari durante le lezioni
[img]http://[/img]
[img]http://http://www.astrologiaclassica.it/content/wp-content/uploads/2010/12/MiniatInsegnam.jpg[/img]

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email