Sapiens 8239 punti

La preistoria


La Terra ha circa cinque miliardi di anni. Il processo che ha visto la comparsa e lo sviluppo della vita si chiama preistoria.. L’uomo fa parte della specie più complessa di forme di vita, i mammiferi. Il periodo della comparsa dell’uomo sulla Terra si definisce Preistoria . Esso abbraccia un lunghissimo arco di tempo di cui si hanno pochissime notizie e nessuna traccia scritta. La preistoria si divide a sua volta in Paleolitico, Mesolitico ,Neolitico.
Durante la preistoria l’uomo compì delle grandi conquiste che gli permisero un lentissimo ma continuo sviluppo: le due più importanti ai fini evolutivi furono forse la possibilità di lavorare la pietra e la scoperta del fuoco . Altre importanti scoperte furono l’agricoltura e l’allevamento.
Fu proprio grazie a queste ultime che l’uomo passò da una vita nomade. a una sedentaria. Fu a quel punto naturale che gli uomini si raggruppassero in villaggi

Normalmente la produzione agricola e le riserve di caccia erano sufficienti per i componenti del villaggio. Talvolta, però, gli abitanti di un villaggio scambiavano prodotti con quelli di un altro. Nacque così il baratto, che consiste in uno scambio di cose senza moneta. Quest’ultima fu introdotta per consentire a un soggetto di cedere i propri prodotti a un altro anche quando questi non aveva da offrire in cambio qualcosa di interessante. La moneta permette cioè di dividere il baratto in due operazioni distinte: acquisto e vendita.

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove