Video appunto: Classi sociali in epoca vittoriana

Classi sociali in epoca vittoriana



C'era una grande differenza tra ricchi e poveri. Quindi c'erano molti conflitti di classe e le principali riforme sociali dell'epoca lo erano:
- 1834 atto di fabbrica che diceva quante ore la gente doveva lavorare;
- 1864 legge sulle miniere che diceva che i bambini e le donne non potevano lavorare nelle miniere;
- la legge del 1870 sull'istruzione elementare che garantiva a tutti il livello di istruzione primaria;
- 1875 legge sulla salute pubblica che migliorava la salute pubblica.


L'alfabetizzazione è aumentata significativamente nel periodo. Lo sviluppo più significativo nell'editoria è stata la crescita del periodico. I romanzi e le opere lunghe furono infatti pubblicati in forma seriale.

In questo periodo ci furono molti movimenti filosofici:
- il rispetto, la carità, la filantropia;
- liberalismo, utilitarismo (si dovevano considerare solo le cose utili).
Questo era anche il periodo dell'imperialismo. La Gran Bretagna era il più grande impero di sempre, infatti nel 1914 ¼ del mondo apparteneva alla Gran Bretagna. [L'imperialismo divenne una missione perché gli inglesi volevano diffondere il cristianesimo.]

Orgoglio e pregiudizio

Jane Austen in Orgoglio e pregiudizio ha usato un 3° narratore personale, che è onnisciente. C'è anche un punto di vista mutevole, perché ci sono più punti di vista. Inoltre Austen ha usato lettere, l'opera in realtà una sorta di romanzo epistolare, mescolato a descrizioni e dialoghi, usato per caratterizzare i personaggi. Il romanzo fu pubblicato nel 1830, in pieno periodo romantico. Era anche il periodo della rivoluzione industriale, ma Austen ambientò il romanzo nel paese, senza menzionare il vero contesto dell'epoca.