Ominide 2993 punti

Courbet

Vita


E’ il capostipite del realismo francese. Nasce a Ornans nel 1819 da una famiglia benestante e compie i primi studi nelle città natale, prima di dedicarsi alla copia dal vero di alcuni dipinti del Louvre. Inizia a rifiutare ogni tipo di influenza e nonostante sia contrario all’insegnamento dell’arte apre comunque una scuola in cui insegna che “non ci possono essere scuole, ma soltanto pittori”. Infatti sostiene che l’arte non si può apprendere meccanicamente, è un qualcosa di individuale e per ogni artista è il risultato della propria ispirazione. Morì in solitudine dopo essere stato costretto a vendere all’asta tutte le sue opere.

L’Atelier


È il Manifesto del realismo: è un opera che raccoglie un po’ tutto quello che avveniva nella società in quel periodo. L’artista si rappresenta al centro di una tela dalle grandi dimensioni, in un momento importante: mentre sta dipingendo un paesaggio.
A sinistra rappresenta la gente del popolo tra cui notiamo un bracconiere con i suoi cani, una prostituta una popolana mentre allatta il figlio, un banchiere ebreo, un prete e un mendicante. Tutte queste persone hanno la testa abbassata e sono pensierosi. Hanno il volto che esprime tanta sofferenza. Dietro alla donna che allatta c’è un nudo è considerato il discobolo di Orione, simbolo delle perfezione che ancora non è stata abbandonata.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email