Ominide 11266 punti

I Sacerdoti romani

I collegi sacerdotali più importanti erano i seguenti: il collegio dei Pontefici, presieduto dal Pontefice massimo, suprema autorità religiosa: i Pontefici le tradizioni religiose della città e avevano il compito di conservare mantenere la buona armonia tra Roma e i suoi dei; i Flamini, quindici sacerdoti addetti al culto di una sola divinità ciascuno (ad esempio il flamine Diale era addetto al culto di Giove, il flamine Marziale al culto di Marte, il flamine Quirinale al culto di Quirino, ecc…); le Vestali, le quali custodivano il fuoco sacro che ardeva perennemente nel tempio della dea Veste; gli Auguri, che interpretavano il volo e il canto degli uccelli e ne traevano gli auspici; gli Aruspici, che esaminavano le viscere delle vittime, per accertarsi della volontà degli dei; i Quindecemviri, che interpretavano i libri sibillini nei casi funesti per lo Stato; gli Arvali, i quali celebravano cerimonie varie per una grande festa campestre alla fine di maggio; i Salii, che custodivano lo scudo sacro a Marte, caduto dal cielo; i feciali, i quali dichiaravano la guerra, lanciando un’asta ferrata nel territorio nemico, oppure suggellavano alleanze sacrificando un maiale. I sacerdoti dei vari collegi si distinguevano per le vesti o per distintivi speciali.
I sacerdoti erano molto importanti alla corte di Roma.
Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove