Attesa per il piano Renzi, al via la rivoluzione?

Lorena Loiacono
Di Lorena Loiacono

 piano scuola Renzi,29 agosto

Per il momento, i primi rumors parlano di importanti modifiche alla vita dei docenti in cattedra. Ma qualcosa potrebbe interessare anche gli studenti. Tutti con il fiato sospeso, dunque, in attesa della presentazione ufficiale, prevista per venerdì.

SALE L'ATTESA - Sembra essere la carriera dei docenti uno dei nodi centrali del Piano scuola, annunciato dal premier Renzi per il Consiglio dei ministri di venerdì 29 agosto. L’attesa sale e le indiscrezioni non mancano: prima fra tutti quella relativa al possibile avanzamento di carriera degli insegnanti che, rispetto alla quasi totalità dei paesi europei, non è ancora previsto se non per anzianità.

NUOVI RUOLI IN CATTEDRA – I docenti potrebbero entrare in classe come insegnanti ordinari per poi conquistare negli anni il ruolo di esperti e consacrare la loro posizione all’interno della scuola pubblica in qualità di senior.

AUTONOMIA, QUESTA SCONOSCIUTA – Al vaglio dell’esecutivo ci sarebbe anche una reale attuazione di quella economia scolastica mai davvero decollata. Questo però potrebbe tradursi, stando alle indiscrezioni, ad un potenziamento del ruolo dei dirigente scolastico. Un particolare che potrebbe non piacere al mondo della scuola. Soprattutto per quanto riguarda il reclutamento degli insegnati.

MERITOCRAZIA E AGGIORNAMENTO – Sul tavolo ci sarebbe oltre un miliardo di euro da investire per la riqualificazione del corpo docente. Vale a dire corsi di aggiornamento, per rendere la scuola più moderna e informatizzata. Anche se in realtà i docenti attendono on ansia un rinnovo del contratto bloccato ormai da anni. Senza contare la possibile variazione dell’orario di lavoro: le polemiche provocate dalla proposta delle 36 ore settimanali sono ancora troppo recenti per essere dimenticate. Spetta ora la premier riuscire a trovare una soluzione che sia il più indolore possibile.

SINDACATI SUL PIEDE DI GUERRA - “Se rispondono a verità le indiscrezioni di un intervento sugli scatti e un tentativo di introdurre elementi di meritocrazia al di fuori di un sistema contrattuale – ha commentato Mimmo Pantaleo, segretario generale della Flc Cgil -– per noi è inaccettabile. Sono interventi che prescindono dal rinnovo del contratto, che è la questione vera”.

Lorena Loiacono

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta