Gelo e neve: ritorno a scuola a rischio il 7 gennaio?

Carla Ardizzone
Di Carla Ardizzone


Gelo e neve sull'Italia. L'ondata di freddo che attraversa la nostra penisola sta portando disagi in diversi comuni delle regioni adriatiche e del Mezzogiorno. La Protezione Civile ha lanciato l'allerta neve in questi giorni e, se l'emergenza dovesse continuare, in alcune regioni le scuole potrebbero rimanere chiuse proprio al ritorno dalle vacanze di Natale, il 7 gennaio.
Vediamo ad oggi qual è la situazione ma ricordate che, per avere notizie sicure della chiusura delle scuole per maltempo, sarà necessario attendere gli aggiornamenti della Protezione Civile e le eventuali ordinanze dei sindaci dei comuni coinvolti.


Allerta Neve in Centro e Sud Italia: scuole chiuse 7 gennaio?

Questo è quanto riportato dalla Protezione Civile nella comunicazione del 3 gennaio:

"[...]Dalle prime ore di venerdì 4 gennaio, si prevedono nevicate sulla Basilicata centro-settentrionale e sul versante ionico centro-settentrionale della Calabria, a quote superiori a 200-400 metri, con possibili sconfinamenti fino al livello del mare, con apporti al suolo deboli, moderati alle quote collinari e montane.
Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di venerdì 4 gennaio, allerta gialla su Abruzzo e su alcuni settori della Sicilia
."

Questo, invece, è l'ultimo aggiornamento pubblicato nelle ultime ore (venerdì 4 gennaio):

"Continuano gli effetti del flusso di correnti fredde proveniente dal nord Europa che ancora nelle prossime ore determinerà il persistere di forti venti al sud, di una sensibile diminuzione delle temperature con nevicate a quote molto basse su Sicilia e Calabria.
Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un nuovo avviso di condizioni meteorologiche avverse che estende quelli diffusi precedentemente. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede il persistere di nevicate sul nord della Sicilia e sulla Calabria meridionale a quote superiori a 200-400 metri, con locali possibili sconfinamenti a quote inferiori. Sono previsti apporti al suolo da deboli a moderati fino ad abbondanti alle quote superiori dei settori settentrionali della Sicilia.

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, sabato 5 gennaio, allerta gialla su Abruzzo e su gran parte della Sicilia.
"

Non è ancora stato diramato il bollettino della Protezione Civile che interesserà il giorno del ritorno a scuola, il 7 gennaio, ma in alcune zone la neve dovrebbe continuare a cadere per tutto il week end.

Previsioni meteo 7 gennaio 2019

Il servizio meteorologico dell'Areonautica Militare invece - per quanto riguarda lunedì 7 gennaio 2019 - prevede "Nubi compatte sulle regioni adriatiche centrali e meridionali, Campania, Basilicata, Sicilia tirrenica e Sardegna, con piogge e locali rovesci su Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia tirrenica, localmente anche a carattere nevoso sull'Appennino Centromeridionale; foschie dense o locali banchi di nebbia sulla Pianura Padana al mattino e dopo il tramonto. Ampi spazi di sereno altrove."
Sono quindi le regioni centro-meridionali, oltre alla Sicilia, quelle dove il maltempo potrebbe incidere sulla decisione di tenere chiuse le scuole. Tuttavia, saranno le zone montane delle regioni del centro-sud ad essere maggiormente interessate dalle nevicate: qui i sindaci dei comuni, quindi, potrebbero - in caso di forti disagi - decidere per una chiusura straordinaria.
Attendiamo aggiornamenti nella giornata del 6 gennaio.

Scuole chiuse per maltempo a Lecce: è una bufala

Anche se non è ancora confermata l'allerta neve per il 7 gennaio, qualcuno si è approfittato della situazione per fare uno "scherzo" agli studenti pugliesi, come riportato da Leccenews24. Sta girando, tra alcuni gruppi WhatsApp, una finta ordinanza del sindaco di Lecce: "Condizioni metereologiche avverse. Ordinanza di chiusura degli istituti scolastici di ogni ordine e grado": è questo l’oggetto del finto provvedimento, peccato che si tratti solo di una fake-news.
A smentirla prontamente è stato un post pubblicato sulla pagina Facebook ufficiale del Comune.
"Circola nei gruppi WhatsApp di alcuni istituti scolastici superiori una falsa ordinanza di chiusura delle scuole per il 7 gennaio. Si tratta dell’opera di qualche “burlone” a cui è bene ricordare che falsificare atti della pubblica amministrazione e firme di pubblici ufficiali costituisce un reato", si legge.

Lezioni a rischio per sciopero 7 e 8 gennaio 2019

Non è ancora dato sapere, quindi, se ci sarà un ritardo del rientro a scuola a causa dell'ondata di freddo di questi giorni. Probabilmente, se dovesse esserci, interesserà - secondo le previsioni - i comuni di alta quota lungo l'Appennino centro-meridionale. Tuttavia, esiste un altro motivo per cui il primo giorno di scuole dopo le vacanze natalizie potrebbe essere rinviato. Infatti, il sindacato SAESE ha indetto, per i giorni 7 e 8 gennaio 2019, uno sciopero dei docenti e del personale ATA che, in caso di partecipazione massiva, potrebbe mettere a rischio il regolare svolgimento delle lezioni.
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Curioso di conoscere il prossimo ospite? Seguici e lo scoprirai!

21 ottobre 2019 ore 15:00

Segui la diretta