Ominide 8039 punti

Le rocce e i minerali

Le pietre che vedi in montagna, in collina, sul greto dei fiumi, o che formano i marciapiedi , i gradini delle scale, le pavimentazioni delle strade di città, si chiamano più esattamente rocce. La scienza che studia le pietre o rocce è la petrografia.
-il granito è una roccia eruttiva o vulcanica o magmatica, originaria cioè dalla solidificazione, per raffreddamento, di materiali incandescenti fusi, che provengono dall'interno del globo e che sono denominati magmi. Le rocce eruttive presentano una struttura cristallina, ben evidente nel granito che è una mescolanza di cristalli di quarzo, di ortoclasio e di mica biotite. Buona parte delle Alpi è costituita da rocce eruttive.
-il calcare è una roccia sedimentaria, cioè originata dal deposito di frammenti rocciosi o di materiali vari. Le rocce sedimentarie presentano una caratteristica disposizione a strati. Possiamo pensare che con il passare dei millenni, le rocce più antiche, cioè quelle eruttive, si siano disgregate per l'azione dell'aria, dell'acqua e degli organismi viventi e abbiano dato origine ad abbondanti frammenti che vennero trasportati dai fiumi e che poi si depositarono sotto forma di limo sul fondo del mare. Tali frammenti lentamente formarono strati di considerevole spessore, in cui talvolta restarono imprigionate spoglie di animali e di vegetali. Proprio dal consolidamento dei depositi marini o fluviali, o dai resti di organismi animali e vegetali, ebbero origina le rocce sedimentarie. In seguito, il fondo del mare qua e là si sollevò ed emersero colline e perfino montagne costituite da rocce sedimentarie calcaree.

-l'ardesia è invece una roccia metamorfica, ossia una roccia profondamente modificata nella sua struttura. Occorre sapere che non tutte le rocce eruttive o sedimentarie si sono conservate nello stato primitivo. Una buona parte di esse andarono soggette a temperature così elevate e a pressioni talmente forti, che acquistarono una particolare stratificazione e aspetti ben diversi da quelli originali. E queste rocce profondamente modificate si chiamano rocce metamorfiche. Così, per esempio, il granito subìtali trasformazioni, diede luogo a una roccia avente ancora la medesima composizione chimica, ma di aspetto diverso, denominata gneiss. E il calcare, che come quello di Carrara, subì la suddetta metamorfosi, acquistò una struttura cristallina e divenne marmo saccaroide.
Le sostanze che compongono le rocce si chiamano minerali; per esempio il quarzo, l'ortoclasio, e la mica sono dei minerali. Altri minerali, di cui probabilmente hai già sentito parlare, sono: magnetite, ematite, pirite, galena, blenda, cinabro, salgemma, gesso, calcite. I minerali sono perciò delle sostanze chimiche che si trovano in natura.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email