Agenti endogeni

Se sulla Terra esistessero solo gli agenti esogeni, ben presto la sua superficie si ridurrebbe ad una monotona pianura a causa dell'erosione subita. In realtà non è così: il paesaggio terrestre è molto vario e a movimentarlo contribuiscono montagne e vulcani, i quali si sono formati grazie all'azione delle forze endogene, ossia interne alla Terra, che provocano il ripiegamento degli strati rocciosi e la risalita del magma.

La formazione delle montagne

Il processo che porta alla nascita delle montagne viene detto "orogenesi"; le forze endogene spingono le montagne a crescere, a piegarsi, a sollevarsi,... Si potrebbe, inoltre, asserire che le montagne hanno un ciclo vitale, con una fase giovanile, una fase di maturità e una fase di vecchiaia. In queste tre fasi, progressivamente, la cime si arrotondano abbassandosi di livello; questo ciclo può durare centinaia di milioni di anni ma, poiché nel corso delle ere geologiche passate si sono avute successive orogenesi, attualmente è possibile osservare montagne a differenti stadi della loro storia. Le Alpi, l'Himalaya, le Ande, la Sierra Nevada e le Montagne Rocciose sono ancora in fase giovanile: si presentano con forme irregolari con picchi aguzzi ed elevati e valli strette e impercorribili. I processi di erosione smussano lentamente le vette e riducono i livelli, avviando i monti verso una fase di maturità e infine di vecchiaia, come nel caso degli Appennini e degli Appalanchi.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email