Ominide 978 punti

Tecniche espressive decadenti

Musicalità: Durante il periodo decadente si tende a esaltare il valore puramente fonico delle parole e a lasciarsi andare a suggestioni irrazionali che tali parole evocano. La musica è infatti considerata dai decadenti 'l'arte suprema', in quanto ella è il tipo di arte più indefinita che si possa trovare.
Imprecisione: In questo momento si ricerca una sintassi che sia volutamente ambigua, che riesca a rendere in un certo qual modo vago e ambivalente il significato delle parole: infatti, se accetto il fatto che la realtà NON sia razionale, devo anche accettare il fatto che non posso spiegarla razionalmente.
Metafora: L'utilizzo della metafora si fa molto marcato, in quanto essa è capace di creare legami particolari, inconsueti se non addirittura oscuri tra realtà molto diverse e remote tra loro, che non sono sempre regolate da semplici rapporti di somiglianza.

Simbolo: Anche in questo caso, si tendono ad usare simboli polisemici, già presenti in natura e non codificati dall'uso, in modo da renderli oscuri e di difficile interpretazione.
Sinestesia: Se ne fa molto uso, poiché tale tecnica espressiva permette di associare tra loro percezioni sensoriali totalmente diverse, se non addirittura opposte: si può, ad esempio, collegare delle immagini ad alcuni odori, o o dei suoni a un determinato sapore.
Allegoria. Per ultima, l'allegoria, che i decadenti non utilizzano, se non di rado e quasi mai volontariamente: tale figura retorica, infatti, presenta una visione razionale della realtà che il poeta crea per rappresentare qualcos'altro. Essa è quindi troppo razionale, per rappresentare qualcosa di così irrazionale, come la realtà.

Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario 800?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email