Gli 11 giocatori indimenticabili che avete sempre avuto su Pro Evolution Soccer

Redazione
Di Redazione

Tra le cose più belle della vita, la cioccolata, Michelle Pfeiffer e la Master League di Pro Evolution: ecco i giocatori indimenticabili di PES.

"giocatori indimenticabili pro evolution soccer"
"Tra le cose più belle della vita, la cioccolata, Michelle Pfeiffer e la Master League di Pro Evolution." semicit.
Se sei nato tra fine anni ottanta ed inizio anni '90 non puoi non aver lasciato il cuore su uno dei tanti Pro Evolution targati Konami. Un paio di organi vitali, tra cui il cuore, sono, lo anticipiamo subito, destinati a colui che ci ha trascinati in tutte le nostre Master League. Tra un colpo brasileiro e l'altro. Castolo. "Non sei mai solo se in attacco hai Castolo". Un mantra stoico che urlavo sempre ad alta voce prima di ogni partita affrontata dalla mia "corazzata" tra i dubbi leciti di mia madre intenta a richiamare un TSO di puro affetto. Una routine strana la mia, lo confesso. Forse da ospedale psichiatrico. Ma PES era (ed è) una religione per gli appassionati di gaming sportivo.
Prima di ogni partita non c'è solo quell'urlo, ma anche una serie di comportamenti scaramantici (così mi piace dire per nascondere la 'malattia' per il gioco): durante la Champions League della Master è d'obbligo andare su Youtube, cercare "Caressa Bergomi intro" ed ascoltare, turno dopo turno, le loro entrate epiche del Mondiale 2006. Così... tanto per caricarmi. Partendo dai gironi. Ah... la mia squadra si chiama "Real Cavron": un nome, un perché. E questi sono i miei 11. Sempre presenti da PES 3 (il mio primo approccio al gioco) fino alle fine dei tempi. Godetevi il viaggio.

Zamenhof (o Ivanov)


Il polacco 40enne più brutto del globo terrestre è il mio estremo difensore. Preferito al russo tagliagole Ivanov, la scelta è ricaduta su Zamenhof solo per il suo taglio sbarazzino e la faccia da killer, un po' come quella che aveva Sebastiano Rossi in uscita tranquilla su Bucchi in un tranquillo Milan-Perugia di qualche decade fa.

Nel nostro caso il livello dei due portieri era talmente basso da dover decidere solamente in base alla simpatia. Robe che nemmeno in terza categoria...
Difesa - 76
Body Balance - 77
Abilità da portiere - 72

Stremer


Lo svedese con più espulsioni che presenze. Titolare fisso al centro della difesa. Sopperiva l'estrema carenza tecnica con l'ignoranza assurda di chi è cresciuto a pane e tibie rotte. 36 anni ed una fedina penale piena di crimini contro l'umanità. In velocità perdeva duelli con tutti, non è un caso se il trancione da tergo era diventato il suo punto forte. L'unica freccia in faretra. Scarso in tutto... però quant'è bello avere un bestione in mezzo alla difesa? Ti fa sentire protetto.
Difesa - 73
Body Balance - 77
Resistenza - 70

Valeny


Il funambolo della fascia destra. In estremi casi potevi tentarlo in posizione centrale quando, stranamente, Stremer doveva scontare il suo turno di squalifica oltre al solito paio di giorni di carcere d'isolamento. L'unico francese simpatico agli italiani era una autentica freccia sulla corsia. Solite qualità discutibili dal punto di vista tecnico, il 'freccia nera' è riuscito a conquistare milioni di cuori agli appassionati del genere. Non un caso se era diventato il capitano, mio capitano, dopo l'addio del sempre eterno Celnili.
Velocità Massima - 82
Resistenza - 76
Potenza di tiro - 76

Celnili



"I piedi sottili di capitan Celnili"

In mezzo al campo hai due soluzioni: o metti la diga o hai Andrea Pirlo coi piedi d'oro. Siccome a noi non piace il bel gioco ma amiamo le tibie in frattura scomposta, in mezzo al campo piazziamo due piccoli De Jong moderni: uno lo vedremo dopo, l'altra è questo. IL CAPITANO. L'unico della squadra con le scarpe bianche a PES 3 con un ordino tattico superiore. Il giocatore con più classe... Sicuramente uno dei miei preferiti. La bandiera di molte delle nostre squadre. Da Pes 4 in poi è stato sostituito da Iouga il rumeno.
Abilità passaggi corti - 75
Velocità passaggi corti - 77
Resistenza - 81

Macco


Accanto a Celnili un solo nome. Rhodri Macco, il pelato. Mediano difensivo di livello. Utilizzato spesso e volentieri come vittima sacrificale del match: incaricato di gambizzare i trequartisti estrosi avversari. Se Ronaldinho, Rivaldo, Messi hanno visto le loro carriere in pericolo, tutto lo dobbiamo a questo piccolo vulcano. Finiva le partite con gli scarpini rossi dal sangue. Quello avversario. Troppe le carriere spezzate dal sempre verde Macco. Un piccolo Gattuso dai piedi più o MENO buoni (in maiuscolo, non è un caso... ndr), la sua carriera è stata stoppata da un arresto intercorso durante la sua carriera per possesso di metanfetamina nel lontano 2005. Da Pes 3 o 4 (non ricordo con esattezza) verrà sostituito da Dodo.
Capacità nel Dribbling - 78
Velocità passaggi corti - 80
Velocità massima - 82

Ximelez



"Più delinquente di Raul Meireles c'è solo 'dribla forte' Ximelez"

Nel mio personalissimo 4-2-3-1, lo spagnolo occupava il ruolo d'ala sinistra. Un po' il C. Ronaldo dei poveri. La tattica principale era sempre quella: cavalcare il bomber sulla fascia, un paio di dribbling riusciti (malissimo) e cross solitamente preciso che andava a perdersi sul fondo... o sulla testa di Ordaz!
Abilità nel dribbling - 84
Precisione passaggi lunghi - 82
Agilità - 75

Espimas


Il cugino cattivo di Ximelez. Sulla fascia destra, se non usavi Burchet, c'era il sempre eterno Espimas. 41 anni di nazionalità francese. La sua arte migliore era la bomba pericolosa da fuori area. Personalmente primo cambio di Burchet. Le sue doti migliori?
Velocità massima - 79
Stamina - 85
Potenza di tiro - 86
"Aaaah aaah aaah corason espinassss!". Anche Santana aveva il suo giocatore preferito di PES: Espinas. Tanto da avergli dedicato una delle sue canzoni più famose.

Minanda


Il trequartista più elegante del gioco. Insieme a Celnili (o Cellini), l'unico che poteva fregiarsi del merito di avere le scarpe bianche, sintomo di tecnica sopraffina. Tanto bello, quanto di cristallo. Ogni 45 minuti era uno strappo muscolare o una rottura al crociato che lo teneva lontano dai campi per mesi. Croce e delizia. Per la delizia, citofonare i portieri avversari, vittime spietate delle sue punizioni dalla trequarti offensiva. Uomo da fantacalcio!
Abilità passaggi corti - 83
Abilità nel tiro - 77
Tecnica - 82

Burchet



"Te ne faccio 2 o 3 se in fascia ho Burchet."

La classica formazione della prima squadra di Master League prevedeva un 3-5-2 di spinta, ma io che ero e sono un po' fuori dagli schemi ho sempre impostato un 4-2-3-1 di livello da far rabbrividire anche la formazione di Marcello Lippi ai Mondiali del 2010 con Simone Pepe titolare. Indimenticabile il suo tocco sotto porta in Italia-Slovacchia al 93esimo minuto.

Come il Forrest Gump dei tempi belli, l'unica qualità in dote all'australiano (sì, è un wallaby) è la corsa prorompente sulla fascia destra. Problemino: i piedi sono quadrati, cross in area forse 1 in 90' minuti. Se va bene termina il match. A fine primo tempo era costretto alla mascherina d'ossigeno. Livelli di stamina bassissimi.
Esplosività - 79
Velocità nel Dribbling - 79
Velocità Massima - 90

Ordaz


Il cannoniere Ordaz. Cannoniere ombra. Se Castolo era "O' Fenomeno' della squadra, Ordaz era il mio Pippo Inzaghi. Il nulla assoluto in tutta la partita, lo stesso peso forma di Crouch e poi il solito lampo dall'area piccola che illuminava la sua prestazione. Senza un perché decideva i match più intricati della storia del gioco. Non è un caso se me lo son tenuto stretto in tutte le stagioni. IL CANNONIERE OMBRAZ!
Body Balance - 82
Potenza di tiro - 82
Salto - 80

Castolo


Una lacrima che scende. L'uomo treccina. Un aneddoto legato al VERO 'Fenomeno' verdeoro: è il 92esimo minuto dell'ultima partita della seconda serie. Per essere promossi serve il punteggio pieno. Tre punti per il paradiso o un nuovo anno d'inferno. Burchet sulla destra imbrocca l'unico cross giusto in 10 edizioni di PES, Castolo smarcato in area stoppa, controlla e bum... palla al terzo anello di San Siro e 0-0 tristissimo. Grazie Castolo. 15 gol difficilissimi durante la stagione e poi sbaglia quello di livello 'Inzaghi' da 5 metri. Love you.

"Non sei mai solo se in attacco hai Castolo"

Attacco - 77
Velocità Massima - 83
Accelerazione - 84


Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Curioso di sapere chi sarà il prossimo ospite? Non ti resta che continuare a seguirci per scoprirlo!

1 ottobre 2020 ore 15:30

Segui la diretta