Bang with friends, l'amore passa per Facebook

Margherita Paolini
Di Margherita Paolini

bang with friends: la moda del momento

C'è un'App su Facebook che da giorni sta facendo proseliti. Si tratta di Bang with friends, l'applicazione che permette di rivoluzionare il metodo di approccio tradizionale con il sesso opposto vantando già circa 7mila utenti. Il suo scopo? Facilitare chiunque la utilizzi ad avere rapporti sessuali senza passare per il corteggiamento, ormai ritenuto noioso ed una perdita di tempo.

BANG WITH FRIENDS - Gli ideatori di questa app sono tre studenti californiani rimasti nell’anonimato per loro scelta. Il meccanismo su cui si basa il Bang with friends è alquanto elementare e, soprattutto, molto diretto. Si accede alla pagina tramite il proprio account e si sceglie tra gli amici la persona a cui palesare il proprio interesse. Se quest’ultima ricambia, il bang è fatto! Il nome della applicazione dovrebbe rimandare alla rapidità con cui è possibile, tramite essa, stringere rapporti, relazioni occasionali o durature. Sebbene da molti questa invenzione sia reputata rivoluzionaria, non sono mancate le critiche relative, ad esempio, al fatto che, per come è impostato il gioco di combinazioni, l’applicazione sembrerebbe privilegiare un pubblico prettamente eterosessuale.

IL DATING ON LINE - Non è solo Bang with friends a dimostrarci che le relazioni vere, quelle nate a seguito di una conoscenza spontanea e, cosa ben più importante, reale, stanno diventando sempre meno numerose. Non si può dire la stessa cosa per le passioni digitali, scoppiate in rete e, soltanto in un secondo momento, vissute nella vita reale. per esempio, gli ideatori della app di Facebook ci fanno sapere che in pochissime settimane si sono costituite circa 130 mila coppie, di varia forma e tipologia. Il dating on line - così si chiamano gli incontri che avvengono in rete - è una realtà affermata già da tempo che si alimenta attraverso un mercato vastissimo di siti di incontri e appuntamenti.

AMICIZIE E RELAZIONI IN RETE- Cercare di comprendere le cause di questo successo incontrastato è importante. La pigrizia generale delle giovani generazioni, e non solo, la propensione a scegliere la strada più facile ( e anche più corta), la difficoltà a mostrarsi per come si è, senza schermi e barriere potrebbero essere tutti fattori direttamente collegabili al fenomeno in questione. Facebook ogni giorno è lì a ricordarci quanto ormai sia desueto stringere amicizie reali, e quanto invece sia più cool e di tendenza poter vantare orgogliosamente profili stracolmi di amici, poco importa poi se si conoscono o meno.

ABBATTUTE LE BARRIERE DELLA TIMIDEZZA - E le relazioni sentimentali? Se gestire le amicizie è cosa complicata, figuriamoci i rapporti sentimentali. Che senso ha vivere l’ansia dei primi incontri, quando ci si può conoscere facilmente tramite chat, mail, fotografie (più o meno ritoccate e spesso dalle pose plastiche), e conversazioni in rete? Un processo, quello della nascita del sentimento online, che agevola anche i più timidi e abbatte le barriere dell’insicurezza e degli imbarazzi iniziali. E così l’agitazione del primo appuntamento, gli impacci della conoscenza, l’improvvisazione dei primissimi dialoghi face to face, sono diventati per molti un lontano ricordo. Manifestare l’interesse per una persona senza esporsi completamente, mostrando solo ciò che si ha intenzione di svelare, rappresenta una semplificazione assoluta della gestione dei sentimenti e delle emozioni, e al tempo stesso anche un po’ una minaccia del tramonto di quest’ultimi. Le relazioni nascono in rete come funghi in un bosco, e nella vita reale come oasi in un deserto.

E tu inizieresti mai una relazione online?

Margherita Paolini

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta