Foto hot su WhatsApp finiscono in rete: incubo per 60 adolescenti

Redazione
Di Redazione

Un gruppo WhatsApp tra ragazze diventato un vero e proprio boomerang per una sessantina di liceali che, fidandosi delle proprie "amiche", hanno condiviso in chat centinaia di immagini provocanti e sexy, a volte seminude o nude. Non tutto però è andato per il verso giusto. Alcune foto e video infatti sono "fuoriuscite" dal gruppo, e ora sono in rete. La vicenda è stata raccontata da Qn/Il Resto del Carlino.

Foto hot tra i compagni di scuola

Queste immagini hanno iniziato a circolare tra i compagni di scuola, e in tutte o quasi tutte le liceali - minorenni -sono riconoscibili. Addirittura, sembra che siano rintracciabili sul web catalogate in cartelle con nome e cognome. Per questo il fidanzato di una di loro, anche lui minorenne (17 anni), ha chiamato la onlus reggiana La caramella buona, che si occupa di lotta alla pedofilia, per segnalare il caso alle forze dell'ordine: il presidente Roberto Mirabile avvisa la polizia postale di Reggio Emilia, ma senza una denuncia dei genitori delle ragazze non si può bloccare il link.

Correre ai ripari

Mirabile ha sottolineato alla stampa la presenza massiccia di malintenzionati in rete, e in merito alla vicenda ha ricordato che le ragazze "sono riconoscibili e rischiano di essere contattate e ricattate da gente senza scrupoli". Davanti alla loro ritrosia di confessare l'accaduto ai genitori, avverte: "Meglio prendersi una sgridata dai genitori e magari qualche sonora punizione, e coinvolgere la polizia per l’avvio di indagini e accorgimenti che possano tutelarle".
Una delle ragazze, tuttavia, avrebbe intenzione di parlare e sbloccare la situazione per fare partire le indagini.
Skuola | TV
Il Vicepremier Matteo Salvini risponde agli studenti - #MeetMillennials

Con il Vicepremier e Ministro dell'Interno parleremo di attualità, scuola e molto altro. Curioso di scoprire cosa dirà? Non perdere la puntata!

17 dicembre 2018 ore 15:00

Segui la diretta