Buoni voti a scuola? Motivazione, istituto e compagni fanno la differenza

La bravura degli studenti non è direttamente proporzionale al ceto sociale e alla disponibilità della famiglia di origine. Valgono di più motivazioni e tipo di scuola.
In base ad una ricerca svolta dal Politecnico di Milano e della Lancaster University, che sono andati a confrontare i risultati in matematica del test PISA 2015 degli studenti quindicenni di nove Paesi (oltre a quelli citati Giappone, Canada e Germania), nella nostra Penisola conterebbero di più la motivazione personale e l’istruzione dei propri genitori.

Per realizzare la ricerca sono state utilizzate tecniche statistiche innovative e tecniche di machine learning, con un modello "abbastanza flessibile da poter essere applicato a sistemi scolastici di tutto il mondo con strutture differenti ed estrapolare quali sono gli aspetti della vita degli studenti e delle realtà scolastiche che influenzano, rispettivamente, il rendimento degli studenti e le performances delle scuole" si legge in una nota del Politecnico.

La differenza la fanno le qualità personali

La variabile socio-economica, dunque, non sarebbe la più importante per influenzare il rendimento scolastico. A fare la differenza sarebbero una buona gestione dell’ansia, la capacità di cooperare con i compagni e l’accessibilità a materiale culturale in famiglia. Tutti questi sono fattori che influiscono positivamente sui risultati scolastici dei giovani italiani.
Importante è l’istituto scolastico che si frequenta: il 41% della variabilità del rendimento scolastico degli studenti è spiegata dal loro raggruppamento nelle diverse scuole. In Giappone, Francia, Canada e Germania, invece, la variabile più importante è la dimensione dell’istituto: si rileva che nelle scuole più numerose, gli studenti ottengono risultati migliori.
Dunque la bravura degli studenti non è influenzata dal ceto sociale e dai soldi della famiglia, a differenza di quanto accade in Australia, Francia, Gran Bretagna, Spagna e Stati Uniti. E come ha spiegato recentemente l'economista Carlo Cottarelli, l'uguaglianza delle opportunità significa "una scuola pubblica che consenta la formazione di un capitale umano a tutti, anche a chi proviene da ambienti svantaggiati, una scuola che porti via i ragazzi dalle strade per avviarli a una vita professionale proficua".
Skuola | TV
Angelica Massera ospite della Skuola Tv!

La webstar, molto apprezzata dai più giovani grazie ai suoi video esilaranti, ci racconterà dei suoi progetti futuri! Non solo, cerchremo di capire quali sono i segreti per avere successo sul web! Non perdere la puntata!

21 novembre 2018 ore 15:00

Segui la diretta