Claude Debussy


Claude Debussy nacque nel 1862. Frequentò con grande entusiasmo gli ambienti artistici impressionisti e simbolisti e si interessò alla musica di Wagner.
Il suo primo grande successo fu Preludio al pomeriggio di un fauno considerato la prima opera musicale impressionista.
Si dedicò al melodramma e poi morì a Parigi nel 1918.
La sua espressione gira intorno al timbro degli strumenti.
Utilizzò una scala musicale formata di sole sei note (esatonale), trasformò tutti gli intervalli di un semitono in intervalli di un tono e da questi cambiamenti ne nacque una musica dai toni vaghi e indefiniti un po' orientaleggianti, profondamente innovativa rispetto ai canoni dalla musica romantica .

Preludio al pomeriggio di un fauno


Fu un successo. Debussy trasse ispirazione da una poesia di Stèphane Mallarmè che narra le emozioni di un fauno al risveglio da un sogno in un assolato pomeriggio estivo.
Debussy non si dedicò però, alla narrazione della storia bensì all’esternazione e trasformazione in musica delle sensazioni del fauno in quel momento.
La musica non segue uno schema preciso ed il brano è caratterizzato da una melodia continuamente elaborata e modificata.

Maurice Ravel


Ravel nacque nel 1875 nella zona francese dei Pirenei.
Intraprese una carriera come pianista e compositore fondo la Società musicale indipendente .
Il suo spirito patriottico lo spinse ad arruolarsi nell’esercito ma le sue condizioni cagionevoli di salute lo fecero ritornare presto a casa.
Venne colpito da una malattia celebrale e morì a Parigi nel 1937.

Bolero


Nel 1928 la ballerina Ida Rubinstein chiese a Ravel di comporre la musica per un balletto ispirato alla Spagna. Ravel accettò e compose un brano che si rifaceva al Bolero danza tradizionale spagnola.
Pensò di ambientare il suo Bolero in un locale affollato dove una danzatrice catturava progressivamente l’attenzione delle persone con le sue movenze.
Il Bolero di Ravel è un brano per orchestra in cui viene ripetuta molte volte la stessa idea musicale.
Questa è formata da due ostinati uno melodico e uno ritmico.
L’autore utilizzava due temi musicali piuttosto simili fra loro eseguiti dai vari strumenti che in crescendo diventano sempre più numerosi fino a coinvolgere l’intera orchestra.
Nel finale la melodia viene eseguita in una tonalità più acuta per poi ritornare alla tonalità iniziale credo così un’atmosfera tesa.
Hai bisogno di aiuto in Musica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email