Ominide 107 punti

In epoca romantica la ricerca e l’espressione di una identità nazionale influenzarono l’attività artistica specialmente in quei paesi che non avevano ancora raggiunto l’unità territoriale come la Russia. In musica tale risveglio della coscienza popolare si manifestò in una crescente volontà di rivalutazione del proprio patrimonio culturale e la valorizzazione dei caratteri peculiari delle diverse tradizioni storico-musicali. Nel teatro d’opera il nazionalismo è evidente nella scelta di temi nazionali storici, popolari o epico-leggendari. Nella musica strumentale si tende ad immettere elementi esotici e folkloristici, motivi popolareschi e ritmi di danze popolari.
Il fondatore della musica nazionale russa fu M.I. GLINKA. Dopo lui il nazionalismo musicale fu professato in Russia da un gruppo di giovani compositori noti come il Gruppo dei Cinque, composto da Balakirev, Cui, Musorgskij, Rimskij-Korsakov e Borodin. Nessuno di essi era in realtà un musicista di professione.

In contrapposizione al dilettantismo dei Cinque, Tchajkovskij ebbe una concezione professionale dell’attività compositiva. Studiò al conservatorio di San Pietroburgo e fu professore di armonia del conservatorio di Mosca. Il genio di Tchajkovskij ha lasciato il segno specialmente nei tre celebri balletti sinfonici:
Il lago dei cigni
La bella addormentata nel bosco
Lo schiaccianoci
Con questi capolavori il compositore ha operato una riabilitazione della musica del balletto d’arte in cui la musica costituisce un elemento attivo e integrante della coreografia.
Le sue musiche si distinguono per l’incisività e l’eleganza del disegno ritmico ma soprattutto per l’intenso lirismo dei temi.
Tra gli altri autori romantici ricordiamo
Carl Maria von Weber, che espresse in musica lo spirito nazionale tedesco (fu il primo ad usare il termine "opera romantica", applicandolo alla sua Silvana e a Il franco cacciatore);
Schubert, che si basò sulla forma classica dando alla melodia moltissima importanza, ciò lo fece eccellere nella musica da camera, nel pianoforte e nei Lieder che soddisfano l’esigenza di esprimere la propria intimità;
Robert Schumann al quale si deve l'importante Neue Zeitschrift für Musik, sulle cui pagine venne divulgata l'idea del romanticismo e della musica romantica considerata arte suprema e pura poiché non avendo alcun contatto con la realtà è in grado di condurre l’anima verso l’infinito.
Richard Wagner che è ricordato per la sua riforma del teatro musicale. Wagner scrisse sempre da sé il libretto e la sceneggiatura per i suoi lavori. Il filosofo Friedrich Nietzsche, durante il periodo di amicizia con il compositore, considerò la musica delle sue opere fino alla tetralogia L’anello del Nibelungo come la rinascita dell'arte tragica in Europa, concentrandosi sull’aspetto più istintuale della musica stessa.
Chopin:
La sua produzione artistica comprende quasi esclusivamente composizioni per pianoforte e fu concepita in funzione della propria attività di strumentista. Chopin si esibì soprattutto nei salotti dell’alta società parigina ed è dominata dal gusto per la leggerezza e l’eleganza in cui la musica tende a riversare la carica emotiva sulla cantabilità e sull’esibizione virtuosistica.

L’effetto sonoro desiderato da Chopin richiede all’esecutore un tocco ed una tecnica perfetti, ma anche una marcata sensibilità nell’uso dei pedali e nel mettere in evidenza valori espressivi differenti inerenti la dinamica, l’agogica, la costruzione melodica e l’organizzazione ritmica.
All’esecutore si chiede un’applicazione, dove opportuno, del rubato che consiste in una accelerazione della frase melodica evitando la scansione ritmica rigorosa.
I venti Notturni composti tra il 1827 e il 1846 sono composizioni contraddistinte dal carattere malinconico e dalla tendenza ad evocare un’atmosfera intima e raccolta. Sono pagine che mostrano la capacità dell’autore di esplorare la materia sonora e si distinguono per l’intenso lirismo delle linee melodiche della mano destra.
Solitamente hanno una struttura tripartita con una parte centrale contrastante e più animata rispetto al disteso lirismo delle sezioni contigue.

Chopin scrisse inoltre numerose Mazurke e Polacche che sono composizioni che derivano dalla tradizione nazional popolare polacca, ma le rielabora attraverso un processo raffinato e ad esse chopin associa un’ampia gamma di stati d’animo.

Hai bisogno di aiuto in Musica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità